Cultura

ROMA, APPUNTAMENTO CON L’ARTE. LE MOSTRE DA NON PERDERE

Condividi

Arte Roma. La sede della Galleria Nazionale di Arte Antica di Roma di Palazzo Barberini dal 17 novembre al 18 febbraio ospita la mostra Altro Rinascimento. Il giovane Filippo Lippi e la Madonna di Tarquinia.

L’esposizione, a cura di Enrico Parlato, è organizzata in occasione del centenario della riscoperta della Madonna di Tarquinia avvenuta nel 1927 presso la chiesa di Santa Maria di Valverde a Tarquinia, da parte dello storico dell’arte Pietro Toesca. Il quadro, datato al 143, segna un periodo di passaggio per l’artista fiorentino, dalle esperienze iniziali a uno stile più maturo e personale caratterizzato da linee eleganti e cromie cangianti e viene qui messo a confronto con un esiguo numero di opere dello stesso Filippo Lippi ma anche di Masaccio e Donatello. Tre sezioni compongono la mostra: la prima raccoglie documenti provenienti dall’Archivio Centrale dello Stato dedicati a Pietro Toesca e al riconoscimento della Madonna di Tarquinia; la seconda sottolinea il ruolo del committente il cardinale guerriero e arcivescovo di Firenze Giovanni Vitelleschi, presentato in una zilografia nel volume di Paolo Giovio; la terza è dedicata al pittore ma anche alla situazione artistica del tempo a Firenze.

Rimanendo a Palazzo Barberini, nello stesso lasso di tempo è possibile visitare la mostra Giovanni da Rimini. Passato e presente di un’opera a cura di Alessandro Cosma, in occasione della quale si trova esposta la preziosa tavola con le Storie di Santi acquistata dalla National Gallery di Londra nel 2015.

L’esposizione dedicata a quello che è uno dei principali esponenti della pittura riminese del Trecento mette a confronto la tavola appena citata con le Storie di Cristo, anche queste databili agli inizi del Trecento, oggi conservate a Palazzo Barberini, a lungo considerate parte di una sola opera e probabilmente legate entrambe all’importante convento eremitano di sant’Agostino a Rimini.

Per maggiori informazioni: http://www.barberinicorsini.org/eventi/mostre/

Cambiamo totalmente genere per la terza proposta, da sabato 1 al 3 dicembre presso la Maker Faire Roma sarà possibile ammirare le macchine di Leonardo in Realtà Virtuale e Aumentata rendendo omaggio a quello che può essere considerato il primo maker della storia, Leonardo da Vinci.

Lo scopo sarà quello di approfondire le opere ingegneristiche di uno dei personaggi più noti di tutti i tempi, grazie agli strumenti offerti dalla realtà virtuale.

Le opere del grande genio ricostruite in 3D sono frutto di un lavoro meticoloso partendo dagli schemi originali e ricreando con fedeltà i particolari inclusi nei suoi disegni. Articolo su Maker Faire a questo link: https://www.teleambiente.it/torna-maker-faire-fiera-degli-artigiani/.

Per maggiori informazioni: http://www.makerfairerome.eu/it/

Ricordiamo che questa settimana a Roma sono ancora attive le mostre Pablo Picasso. Tra Cubismo e Neoclassicismo: 1915-1925 presso le Scuderie del Quirinale, la mostra Monet al complesso del Vittoriani e la mostra Bernini alla Galleria Borghese.

Link mostre ancora in attivo:

https://www.teleambiente.it/arte-roma-bernini/

https://www.teleambiente.it/monet-vittoriano-giardini-luce/

https://www.teleambiente.it/picasso-francia-italia-genio-del-cubismo-alle-scuderie-del-quirinale/

 

(Visited 98 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago