Roma

ARRIVANO LE PECORE A ROMA, INTESA COMUNE – COLDIRETTI PER L’ECOPASCOLO

Condividi

Arrivano le pecore a Roma, intesa Comune-Coldiretti per l’ecopascolo. Roma Capitale e Coldiretti insieme per la tutela e la conservazione delle aree verdi della Capitale.

Il protocollo, firmato oggi in Campidoglio dalla Sindaca di Roma, Virginia Raggi ed il presidente della Coldiretti Lazio e Roma, David Granieri, prevede l’avvio di progetti sperimentali ed innovativi ispirati alla conservazione della biodiversità, alla tutela del paesaggio e all’interazione tra le diverse componenti dell’ecosistema.

Tra i progetti individuati, l’ecopascolo ed altre metodologie ecologiche di gestione del territorio.

La collaborazione, della durata di due anni, prevede anche la promozione della cultura del rispetto per l’ambiente e per la natura attraverso campagne di divulgazione, informazione e sensibilizzazione nei confronti dei cittadini e del mondo della scuola.

“Con il protocollo approvato oggi, si vuole riconoscere e valorizzare il ruolo del mondo agricolo, importante componente economica e sociale della realtà cittadina – ha detto la sindaca, Virginia Raggi, per la quale “dopo decenni di smantellamento del servizio pubblico di manutenzione del verde, l’Amministraione è impegnata per invertire decisamente la rotta deliberando nuove assunzioni e sbloccando gare per l’acquisto di attrezzature e forniture”.

Per il presidente della Coldiretti Lazio, David Granieri, “è un protocollo importante, basato sul concetto di sostenibilità ambientale. Abbiamo sposato con entusiasmo questo progetto perché rappresenta una grande opportunità di sviluppo per il mondo agricolo e ci fornisce l’occasione per rendere Roma più bella”.

“La multifunzionalità – ha spiegato ancora Granieri – finalmente acquisisce massima centralità per la manutenzione del territorio anche nella Capitale, mentre agli agricoltori viene riconosciuto il prezioso ruolo di custodi del verde”.

Roma non è solo la Capitale più verde d’Europa con i suoi 42 milioni di metri quadri di verde e 1.826 aree verdi, è anche il più grande comune agricolo d’Italia.

Circa il 40% della sua superficie ha una destinazione agricola.

Una parte dei grandi parchi urbani della Capitale, che occupano 18 milioni di metri quadrati, hanno le caratteristiche del parco campagna come quello della Caffarella, che ospita un’azienda agricola che alleva 2 mila ovini, quello di Spinaceto o il Parco degli Acquedotti.

“L’ecopascolo ed altre metodologie ecologiche di gestione del territorio sviluppate in sinergia con il mondo agricolo non dono una novità e non sostituiscono il Servizio Giardini – ha precisato l’Assessore alla Sostenibilità Ambientale, Pinuccia Montanari.

“Nei parchi campagna della Capitale esistono già da anni buone pratiche di ecopascolo e a Roma ci sono 50 mila capi già pronti ad essere impiegati in pratiche innovative. Si tratta – ha proseguito Montanari – di una ricchezza enorme, un unicum che Roma può vantare rispetto ad altre città. Con Coldiretti si vuole dare sistematicità, nuove prospettive e riconoscimento istituzionale a queste preziose forme di collaborazione”.

 

Le aree individuate:

Municipio IV:

Parco d’Aguzzano

Municipio V:

Parco Casacalda

Parco Tobagi

Parco Centocelle

Parco Palatucci_zona acquedotto

Municipio VI:

Parco Via Gastinelli

Municipio VII:

Tor Vergata

Parco degli Acquedotti

Municipio IX:

Parchi campagna Spinaceto

Parco Via Malpeli

Parco Tor De Cenci

Parchi Mostacciano e Casal Brunori

Parco Achille Campanile

Parco Boschiero – Devitis

Municipio XI:

Parco Pino Lecce

Municipio XIV:

Parco Valle Aurelia

Parco del Pineto

Municipio XV:

Tenuta dell’Inviolatella Borghese

Tenuta dell’Inviolatella – Tor Crescenza – Acqua Traversa

(Visited 90 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago