InquinamentoScienza e Tecnologia

“Arianna”, il vaso da balcone che misura la qualità dell’aria

Condividi

Un vaso hi-tech in grado di misurare la concentrazione di particolato atmosferico e di condividere le informazioni in tempo reale con il web. Arriva anche a Roma “Arianna”.

Arianna” è un vaso da balcone innovativo con una missione ben precisa: unire i cittadini milanesi nella lotta all’inquinamento urbano. Dopo l’esperienze di Milano e Torino, il vaso Arianna sbarca a Roma dove, tramite la start-up Wiseair, cerca 20 volontari o “Ambassador” romani che l’ospiteranno gratuitamente sul proprio balcone . Per candidarsi il termine utile è fino al 25 Febbraio 2021. Clicca qui per CANDIDARTI

Sostenibilità ed energia. Nasce Element, il nuovo blog del Gse

Grazie ad una tecnologia innovativa sviluppata da 5 giovani ingegneri e designer del Politecnico di Milano, Arianna è in grado di misurare la qualità dell’aria nel punto in cui è posizionata e di inviare tale dato al WiFi di casa. Arianna è protagonista di una campagna di crowdfunding su Produzioni dal Basso.

Il vaso innovativo, che può essere posizionato sul balcone o sul terrazzo di casa, è dotato di appositi fori per aspirare l’aria e di un pannello solare che gli consente di essere completamente autonomo, senza bisogno di usare elettricità per la ricarica. Grazie a questa tecnologia si possono raccogliere dati aggiornati sulla qualità dell’aria, creando mappe dettagliate e consultabili in ogni momento attraverso l’applicazione per dispositivi mobili dedicata.

Dove si butta? La risposta è sulla confezione! Junker lancia la prima etichetta ambientale digitale

Ogni sostenitore che deciderà di ordinare un vaso tutto suo diventerà un importante “nodo” della rete e contribuirà a mappare lo smog in città.

(Visited 45 times, 2 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago