Archangel Ancient Tree Archive, archiviare il Dna degli alberi secolari per combattere il cambiamento climatico

L’organizzazione no profit di David Milarch, Archangel Ancient Tree Archive afferma di essere “una soluzione al cambiamento climatico”. Ecco come.

Dalla sequoia gigante di John Miur di ben 130 anni, ad un cipresso calvo della Florida che invece ne ha addirittura 2000, l’Archangel Ancient Tree Archive raccoglie il Dna di antichi alberi nelle foreste americane e lo clona, cercando di salvare il patrimonio genetico di questi secolari abitanti della terra piantandone poi le talee.

Gli alberi antichi devono essere protetti per preservare la loro inestimabile diversità”, ecco cosa affermano gli autori di un recente studio sull’importanza di preservare gli alberi antichi. Infatti, sono fondamentali per mantenere la capacità di adattamento delle foreste nel lungo termine.

Vicenza, i resti degli alberi abbattuti da Vaia diventano sculture in legno

A pensare a questi nonni della natura è l’Archangel Ancient Tree Archive che raccoglie il loro patrimonio genetico. L’obiettivo dell’associazione è proprio quello di propagare le specie di alberi più importanti del mondo prima che scompaiano del tutto, creando degli archivi viventi con la genetica degli alberi secolari, che saranno utili per le generazioni future.

Il co-fondatore dell’Arcangelo David Milarch afferma: “Il cambiamento climatico e la deforestazione stanno rendendo più difficile la sopravvivenza di questi vecchi giganti della foresta. Stiamo proteggendo la loro genetica nelle nostre biblioteche viventi perché darà alla scienza la possibilità di sbloccare il potenziale dell’albero per le generazioni future”.

Emilia-Romagna, piantati un milione di nuovi alberi 

La conferma che arriva dalla comunità scientifica quindi, è un segnale importante per l’Archangel Ancient Tree Archive, poiché avvalora il pensiero che incarna la loro mission, ovvero preservare questi alberi che svolgono un ruolo vitale nella sopravvivenza dell’umanità.

Articolo precedenteBuckingam Palace Gin, arriva in Italia il gin della Regina Elisabetta. Ecco quanto costa
Articolo successivoTecnologia sostenibile, Samsung: “I nuovi Galaxy S22 prodotti con plastica riciclata”