AttualitàClima

L’Arabia Saudita intende raggiungere neutralità climatica entro il 2060

Condividi

A pochi giorni dall’inizio della Cop 26 di Glasgow, l’Arabia Saudita annuncia che intende raggiungere la neutralità carbonica entro il 2060.

Mohammed bin Salman (MbS), il principe ereditario dell’Arabia Saudita (il più grande esportatore mondiale di petrolio), ha dichiarato che il Paese punta a raggiungere “emissioni nette zero” di gas serra entro il 2060, dieci anni dopo il target fissato dagli Stati Uniti.

Cop26, per il presidente Sharma l’accordo di Glasgow sarà più difficile di quello di Parigi

“Oggi annuncio l’obiettivo di emissioni zero dell’Arabia Saudita entro il 2060 attraverso una strategia di economia circolare del carbonio – ha dichiarato il principe ereditario al forum “Saudi Green Initiative” a Riad.

Mohammed bin Salman – riporta Reuters – ha anche affermato che raddoppierà il taglio delle emissioni programmato entro il 2030.

Auto elettriche, Eleonora Evi a TeleAmbiente: “Sono il futuro ma l’Italia sta investendo troppo poco nelle infrastrutture”

Durante i loro interventi al Forum Saudi Green Initiative – in vista del cruciale summit Onu sul clima, COP26 a Glasgow – il principe ereditario e il suo ministro dell’Energia hanno promesso che
Riad affronterà il cambiamento climatico, sottolineando però la persistente importanza degli idrocarburi.

L’annuncio è stato accolto con favore dal segretario generale dell’Onu, Antonio Guterres, che l’ha definita “un passo importante vero la protezione dell’ambiente e la lotta al cambiamento climatico” – come riferito dall’agenzia ufficiale saudita Spa.

(Visited 13 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago