AnimaliAttualità

Save Bees and Farmers!, una firma per le api: abbiamo già perso 200mila alveari

Condividi

Api. L’’emergenza sanitaria da Covid-19 non ferma la primavera. E c’è un modo per accoglierla anche restando a casa. Firmare per salvare api e agricoltori dalla chimica di sintesi. E’ attiva in tutta Europa la raccolta delle firme per l’Iniziativa dei Cittadini Europei (Ice) “Save Bees and Farmers! Verso un’agricoltura favorevole alle api per un ambiente sano”.

Cambia la Terra, il progetto voluto da FederBio e sostenuto da Legambiente, Lipu, Medici per l’ambiente e WWF, aderisce alla campagna assieme alle maggiori associazioni ambientaliste e dell’agricoltura biologica.

Il 78% delle specie di fiori selvatici e l’84% delle specie coltivate nell’Unione Europea dipende del tutto o in parte dagli insetti impollinatori, principalmente dalle api. Ma il declino delle loro popolazioni è costante: “solo in Italia negli ultimi cinque anni abbiamo perso 200mila alveari – dice Maria Grazia Mammuccini, presidente di FederBio, l’associazione che ha ideato e coordina la campagna Cambia la Terra.

L’obiettivo della raccolta di firme è quello di cambiare il modello agricolo e scegliere l’agroecologia di cui biologico e biodinamico sono gli esempi concreti più diffusi – aggiunge – le api sono vere e proprie sentinelle dell’inquinamento ambientale: se le salviamo, salviamo anche la salute dei cittadini e di chi lavora la terra”.

Cambiamenti climatici, ecco come incidono sulla capacità di impollinazione delle api

“Le molteplici crisi che stiamo attraversando a livello globale, da quella ambientale e climatica a quella sanitaria, sono facce della stessa medaglia, conseguenza in gran parte del nostro impatto sugli ecosistemi naturali che ci sta portando ad un’emergenza dietro l’altra” – sottolinea ancora Mammuccini – per questo anche in agricoltura “è urgente puntare al recupero degli ecosistemi e a superare un modello intensivo basato sull’uso dei pesticidi che mettono a rischio la sopravvivenza delle api e di tante altre specie. È questa la sfida principale per il futuro, e la recente costituzione di una rete europea dei centri di ricerca per un’agricoltura senza pesticidi è il segno più evidente che innovazione e ricerca stanno andando in questa direzione”.

Eliminare completamente i pesticidi di sintesi dai campi entro il 2035 partendo dalle sostanze più pericolose, con un primo step dell’80% al 2030.

Ripristinare gli ecosistemi naturali nelle aree agricole affinché l’agricoltura possa diventare una forza motrice per il recupero della biodiversità.

Riformare il settore dando priorità all’agricoltura biologica e di piccola scala, diversificata e sostenibile.

Sono questi gli obiettivi della Ice, lo strumento con cui i cittadini possono chiedere alla Commissione e al Parlamento europei di affrontare un tema strategico per le loro vite.

L’iniziativa punta a raccogliere in un anno un milione di firme in almeno 7 diversi Paesi Ue.

Pesticidi, la UE mette al bando prodotto Bayer nocivo per le api

Ma c’è un’altra data che vale la pena ricordare.

Il 20 marzo è partita anche la “Settimana mondiale di azione contro i pesticidi” che tradizionalmente si fa coincidere con la prima settimana di primavera, periodo in cui si assiste all’aumento dell’uso di pesticidi.

 

Hashtag ufficiale: #savebeesandfarmers

Per firmare la petizione clicca qui.

 

 

Photo by Dmitry Grigoriev on Unsplash

(Visited 19 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago