AnimaliAttualitàVideo

Due api riescono ad aprire una bottiglia di Fanta: ecco il perché. Il video è diventato virale

Condividi

E’ diventato virale sul web un video in cui due api aprono una bottiglia di Fanta usando le zampe anteriori per svitare il tappo. Delle immagini che lasciano senza parole che mostra le sorprendenti tattiche di sopravvivenza di questi insetti e di come riescono a lavorare e cooperare fra di loro.

Come riportato sull’Indipendent, il video arriva dal Brasile, precisamente dalla città di San Paolo: due api si posizionano sui lati di una bottiglia di Fanta e, attraverso le zampe anteriori, spingono il tappo verso l’alto, riuscendo a sollevare la parte superiore della bibita.

“Il video è stato registrato durante la mia pausa pranzo dal lavoro. Ho preso una bibita da un cliente, ma presto le api me l’hanno rubata“, ha spiegato l’autore del filmato, specificando che la scena è stata girata lo scorso 17 maggio e pubblicata nelle scorse ore sui social.

Aprire una bibita 20 volte più grande delle loro dimensioni la è piuttosto impressionante, ma non è l’unico comportamento sorprendente su cui le api fanno affidamento per sopravvivere. Come si spiega tale gesto?

Angelina Jolie ricoperta di api contro il rischio di estinzione: “Dobbiamo farci avanti e proteggerle”

Le api da miele sono ampiamente studiate, a causa della loro importanza agricola e di una lunga storia condivisa con gli esseri umani come fonte di miele. Alcune delle prime connessioni umane documentate con le api risalgono a 8.000 anni fa, illustrate nelle pitture rupestri, quando i primi umani razziavano gli alveari per il miele.

Gli antichi egizi tenevano colonie di api domestiche per coltivare miele, e oggi collochiamo colonie di api da miele vicino a fattorie e frutteti per impollinare le nostre piante. Alcuni dei comportamenti più interessanti delle api mellifere derivano dalla comunicazione, come raccontarsi l’un l’altro di grandi macchie di fiori attraverso una “danza oscillante”, un termine usato per descrivere il modello di volo a forma di otto che le api usano per raccontare una risorsa . Queste api possono effettivamente comunicare la direzione e la distanza alla macchia di fiori, in base alla variazione nei modelli di volo che fanno durante la danza.

FRoSTA e Legambiente donano 50 arnie a RomaNatura per la Giornata delle Api 2021

Le api sono una parte vitale del nostro ecosistema. Alcune specie producono il miele, ma ci sono molti altri motivi per amare questi impollinatori sfocati e sostenere gli sforzi di conservazione. Le api sociali e solitarie impollinano le nostre colture agricole, i giardini sul retro e la maggior parte di tutte le piante da fiore. I loro benefici agricoli sono numerosi, fornendo l’impollinazione a un numero enorme di raccolti del mondo e il miele per la tua tazza di tè quotidiana. Nel complesso, sono i loro contributi alla biodiversità – il loro comportamento, intraprendenza, creatività – che li rendono creature straordinariamente affascinanti. Spero che le api continuino a stupirti, anche se questo significa farsi strada nelle tue bottiglie di soda di tanto in tanto.

Allarme Coldiretti: ‘Biberon a base di zucchero per salvare 50 miliardi di api’

Stando a degli studi scientifici le api lavorano e cooperano fra di loro, e quando l’alveare viene scosso le api restano unite, muovendosi in sciami. Da uno studio del 2016, è emerso che le api sono degli insetti amano tutto ciò che è dolce.  “La scoperta che le api mostrano non solo livelli sorprendenti di intelligenza, ma anche stati emotivi, indica che dovremmo rispettare le loro esigenze quando le testiamo in esperimenti e fare di più per la loro conservazione”, spiega uno degli autori dello studio, il professor Lars Chittka. 

“Il cibo dolce può migliorare gli stati d’animo negativi negli adulti umani e ridurre il pianto dei neonati in risposta a eventi negativi. I nostri risultati suggeriscono che risposte cognitive simili si stanno verificando nelle api”, spiega il coautore, Luigi Baciadonna.

(Visited 171 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago