Inquinamento

Antartide, tracce di microplastiche in un animale che vive in un isola remota del continente

Condividi

Gli scienziati hanno scoperto la presenza di microplastiche nell’intestino del collembola, un minuscolo invertebrato che vive in un isola remota dell’Antartide. La presenza dell’inquinamento di plastica nel continente è stata sottostimata troppo a lungo.

Tracce di microplastiche sono state trovate nell’intestino di un animale che vive nell‘Isola di Re Giorgio in Antartide, alimentando le preoccupazioni sul fatto che ormai l’inquinamento della plastica sia prevalente nell’ecosistema della regione.

Antartide, rilevata la presenza di microplastiche anche nel ghiaccio marino

Un nuovo studio condotto da ricercatori italiani e irlandesi ha trovato tracce della presenza di microplastiche nell’intestino di un “Cryptopygus antarcticus“, o collembola, un invertebrato più piccolo di un millimetro che vive in Antartide. I ricercatori hanno spiegato che la loro scoperta rappresenta “la prima evidenza sul campo della contaminazione da microplastiche negli animali terresti dell’Antartide”. I test sono stati condotti su 18 animali trovati sulla schiuma di polistirolo sulla costa dell’Isola di San Giorgio nel 2016.

Inquinamento, le “piogge di microplastiche” contaminano le riserve intatte degli Stati Uniti

Elisa Bergami, ricercatrice dell’Università di Siena a capo del progetto, ha raccontato di aver visto il materiale di plastica in un viaggio in un’area altamente inquinata. Il team ha poi utilizzato uno spettroscopio ad infrarossi dell’ Elettra Sincrotrone Trieste per individuare la presenza di microplastiche all’interno degli animali. Le creature dovrebbero aver ingerito la plastica mentre si nutrivano di alghe, muschi e licheni. In aggiunta le microplastiche possono trasportare patogeni e contaminati che rappresentano un pericolo sia per gli animali testati, come per le altre specie dell’ecosistema.

Inquinamento, in mare ci sono più particelle di microplastica che plancton

Tancredi Caruso, professore dell’University College di Dublino e uno degli autori dello studio, ha spiegato che il tipo di collembola studiato è molto presente in Antartide, sia sul continente che sull’Isola di Re Giorgio. La speranza è che lo studio possa portare a nuove ricerche: “Per un lungo periodo il ruolo negativo della plastica in Antartide è stato sottostimato”.

(Visited 27 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago