Animali

Antartide, il Mare di Ross è più salato. Potrebbe bilanciare innalzamento oceani

Condividi

Antartide. Il Mare di Ross in Antartide è diventato più salato.

In 4 anni, la sua salinità è aumentata di 5 volte rispetto alla variabilità naturale e la causa potrebbe essere proprio una variazione della formazione di ghiaccio marino.

Questa “sorpresa”, potrebbe avere conseguenze sul livello degli oceani, dal momento che queste acque super salate fanno aumentare la densità degli stati profondi, riducendone il volume e in previsione potrebbero mitigarne l’innalzamento.

Clima, la violenza degli uragani è aumentata a causa del riscaldamento globale

La scoperta è stat pubblicata sulla rivista Nature Communications da un gruppo di ricercatori coordinati da Giorgio Budillon, dell’Università Parthenope di Napoli.

I dati utilizzati nello studio, sono frutto di più progetti di ricerca, fra i quali ‘MORSea’ (Marine Obsevatory in the Ross Sea), coordinato dall’oceanografo fisico Pierpaolo Falco dell’università Parthenope e svolti nell’ambito del Programma Nazionale di Ricerche in Antartide (Pnra) finanziato dal Ministero per l’Istruzione, l’Università e la Ricerca.

I ricercatori hanno calcolato la variabilità nel tempo (23 anni di misure) della salinità del Mare di Ross, dove “si forma una massa d’acqua caratterizzata da un valore relativamente alto di salinità, che la rende densa e pesante”.

Alimentazione, le ghiande un “superfood” per combattere il riscaldamento globale

In un’intervista all’ANSA, Pierpaolo Falco, ha spiegato che quest’acqua “si muove sul fondo, mescolandosi con un’altra massa con cui forma le acque più dense e profonde del pianeta, le Antarctic Bottom Water che sono parte di un enorme circuito che negli oceani ridistribuisce calore, CO2, e muove le correnti, con ricadute sul clima”.

A Baia Terra Nova, “dove si formano le acque super salate del mare di Ross – ha aggiunto Falco – vi è stato un trend di diminuzione della salinità di 0.04 parti per mille per decade, dal 1995 al 2014, per poi rimbalzare dal 2014 al 2018 quando è aumentata di 5 volte rispetto alla variabilità naturale, ossia di quasi 0,1 parti per mille in 4 anni”.

Cop25, a Madrid continua la sfida sul clima: Italia sesto posto per vittime di eventi estremi

Secondo i ricercatori la causa più probabile è legata al ghiaccio marino, che “quando si forma rilascia sale facendo aumentare la salinità, ma per affermare che in questi 4 anni, il ghiaccio marino abbia determinato una maggiore immissione di sale abbiamo bisogno di altre ricerche”.

Questo aumento della salinità delle acque del mare di Ross, ha osserva il fisico, “potrebbe avere ripercussioni sulla densità delle acque profonde e poiché abbiamo osservato un aumento di salinità (e perciò di densità), l’effetto sul livello degli oceani potrebbe essere di mitigare l’aumento cui stiamo assistendo, ma il dato va confrontato con la quantità di acqua supersalata prodotta perché il volume generato a sua volta ha conseguenze sul livello dell’oceano, poiché se aumenta la produzione il livello cresce”.

 

(Visited 19 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago