AttualitàClima

Antartide choc, raggiunto il nuovo record di caldo: 18,3°C. “Una delle zone che si scalda più velocemente di tutta la Terra”

Condividi

Antartide, i dati choc del Wmo: il continente del Polo Sud ha raggiunto un nuovo record di caldo, con la temperatura più alta di sempre (18,3°C).

Antartide, i dati choc dell’Organizzazione meteorologica mondiale (Wmo): la Penisola nel Polo Sud ha raggiunto quest’anno una nuova temperatura record, la più alta di sempre. Il 6 febbraio scorso, infatti, la stazione scientifica argentina di Esperanza ha rilevato una temperatura di 18,3°C. Quasi un grado in più rispetto al precedente record, di 17,5°C, registrati il 24 marzo 2015.

Petteri Taalas, segretario generale del Wmo, ha spiegato: “La penisola antartica è una delle regioni della Terra che si riscalda più velocemente, con quasi 3°C in più negli ultimi 50 anni. Questo nuovo record di temperatura conferma quindi il cambiamento climatico osservato finora“.

Caldo record tra Usa e Canada, Biden sarcastico: “Il cambiamento climatico è solo frutto della nostra immaginazione”

L’Organizzazione meteorologica mondiale (Wmo) ha reso noto alcuni dettagli sulle osservazioni climatiche e meteorologiche. “Raccogliere e verificare tutti i dati è fondamentale per conoscere meglio i fenomeni climatici e meteorologici in Antartide” – spiega l’agenzia Onu – “Lo scioglimento dei ghiacciai avrà conseguenze gravi sull’innalzamento del livello del mare in tutta la Terra“.

Antartide, in soli 3 giorni è scomparso un enorme lago

I nuovi dati, a partire dalla temperatura massima record, saranno inclusi nell’archivio del Wmo, che comprende anche i dati sulle precipitazioni, sui periodi di maggiore siccità e altre informazioni climatiche. La drammatica notizia sul caldo record in Antartide segue di poche ore quanto scoperto dai satelliti della Nasa: un enorme lago nel Polo Sud, l’estate scorsa, è sparito nel giro di appena tre giorni.

(Visited 47 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago