Territorio

Antartide, la Nasa lancia l’allarme: a rischio rottura un iceberg grande come due New York

Condividi

Antartide. Un iceberg grande come due volte la città di New York si sta per staccare dalla piattaforma di ghiaccio Brunt, lungo la costa nord-occidentale dell’Antartide.

L’allarme arriva dalla Nasa, l’Agenzia Governativa civile responsabile del programma spaziale degli Stati Uniti d’America che su twitter pubblica le immagini ripresa dal satellite Earth delle impressionanti crepe.

“L’eventuale distacco dell’enorme massa di ghiaccio – si legge nel post – potrebbe mettere a rischio sia le attività di ricerca sia la presenza umana in quella zona”.

Lì – rileva l’agenzia spaziale americana – esiste una frattura stabile ormai da 35 anni, ma recentemente ha cominciato ad avanzare verso Nord al ritmo di quattro chilometri l’anno.

Antartide, parte la nuova Campagna di ricerca invernale con 7 italiani

Questo vuol dire che “se la frattura dovesse avanzare ancora fino a causare il distacco dell’iceberg, la massa di ghiaccio liberata nell’oceano potrebbe essere pari a 660 chilometri quadrati: non abbastanza da entrare a far parte dei 20 iceberg più grandi di tutti i tempi, ma di sicuro il più grande distaccato dalla piattaforma Brunt a partire dal 1915″.

Rifiuti, anche la base italiana in Antartide fa la differenziata

Ad oggi, le crepe hanno provocato “solamente” problemi di sicurezza alle persone che lavorano sulla piattaforma.

Tanto che la stazione più importante, la Halley Station della British Antartic Survey, è stata chiusa due volte negli ultimi anni a causa dei cambiamenti imprevedibili nel ghiaccio.

Allarme Antartide, in 40 anni perdita di ghiacci sei volte più grande. Rischio aumento mari

“È stato necessario spostare e ricostruire la stazione nel corso dei decenni” – informa ancora la NASA.

L’ultimo, è avvenuto solo due anni fa, tra il 2016 e il 2017.

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago