Sempre meno ghiaccio in Antartide: 7% sotto la media degli ultimi 44 anni

Anche il ghiaccio dell’Antartide sta subendo gli effetti del riscaldamento globale. L’allarme degli scienziati: “Luglio 2022 è stato uno dei mesi più caldi di sempre”.

C’è sempre meno ghiaccio in Antartide ormai ai minimi storici. A rivelarlo è stato il “Copernicus Climate Change Service” nei bollettini mensili sulle previsioni meteorologiche a medio termine per conto della Commissione europea. La banchisa gelata dell’emisfero australe del pianeta Terra è risultata del 7% inferiore rispetto alla media degli ultimi 44 anni monitorati.

L’analisi degli scienziati è, dunque, l’ennesima conferma dei cambiamenti climatici sempre più devastanti. E così, per la prima volta dal 1978, l’ecosistema del Polo Sud potrebbe cambiare, se non si adottano presto politiche ambientali utili a salvaguardare il Globo.

L’Oceano meridionale è stato interessato da estese aree di concentrazione del ghiaccio marino inferiori alla media, dai mari di Amundsen e Bellingshausen, fino all’area settentrionale del mare di Weddell, così come in gran parte dell’Oceano Indiano“, ha dichiarato lo staff di Copernicus. “L’estensione del ghiaccio marino artico è stata del 4% inferiore alla media, posizionandosi al dodicesimo posto per il mese di luglio nei dati satellitari, ben inferiore rispetto ai valori minimi di luglio registrati tra il 2019 e il 2021“.

Intanto, a livello globale, luglio 2022 è stato uno dei mesi più caldi mai registrati, quasi 0,4°C al di sopra della media per il periodo di riferimento tra il 1991 e il 2020, leggermente più fresco di luglio 2019 e leggermente più caldo di luglio 2016.

Articolo precedenteUn drone a infrarossi aiuterà a combattere e prevenire gli incendi boschivi
Articolo successivoElezioni, l’appello dei Fridays for future: “Non possiamo permetterci un altro governo di inazione climatica”