Animali

“L’anno che la terra cambiò”, in arrivo un nuovo documentario sulla crisi climatica

Condividi

In occasione dell’Earth Day, il 22 Aprile, verrà rilasciato ” The year Earth changed”, un nuovo documentario sull’emergenza climatica, narrato in lingua originale da Sir David Attemborough.


Per celebrare l’Earth Day 2021 verrà rilasciato un nuovo documentario “The Year Earth Changed”, narrato dal pluripremiato Sir David Attenborough.

Save Ralph, il documentario per dire stop ai test sugli animali per la produzione di cosmetici

Prodotto dalla BBC, è ora disponibile in tutto il mondo, mostrando filmati esclusivi sulla natura da tutto il mondo dopo un anno senza precedenti di quarantena causata dal coronavirus.

Durante questo anno così difficile molte persone hanno rivalutato il valore e la bellezza del mondo naturale e ne hanno tratto grande conforto“, ha detto Attenborough. “Ma il lockdown ha anche creato un esperimento unico.”

 


Meno rumore, meno fumo nell’aria … Le creature intorno a noi sono fiorite, in generale, in questo ultimo anno“, ha detto Attenborough alla CBS.

Vassallo, il documentario sulla pulizia dei fondali marini: “Questo progetto è il sogno di Angelo” VIDEO

Dall’osservazione delle balene che comunicano in modi nuovi, all’ascolto di un nuovo canto degli uccelli nelle città, all’incontro con i capibara nei sobborghi sudamericani, le persone di tutto il mondo hanno avuto la possibilità di interagire con la natura come mai prima d’ora.

(Visited 27 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago