AnimaliRoma

Animali, anche i cani tornano in spiaggia: riapre il Baubeach di Maccarese VIDEO

Condividi

Il Baubeach di Maccarese, la prima spiaggia italiana per cani ha riaperto ufficialmente oggi, sempre rispettando le regole di sicurezza per il Covid-19.

I

Riapre ufficialmente l’11 giugno il Baubeach, la prima spiaggia per cani accompagnati da genitori “con l’impegno di rispettare tutte le misure di sicurezza” anti Covid 19.

Sudafrica, un team di cani addestrati cattura i bracconieri e protegge le specie a rischio

Quest’anno – rende noto la struttura di via Praia a Mare, nel comune di Fiumicino – pur garantendo la regolamentazione di sempre che permette la socializzazione dei cani ospitati, l’aspetto della spiaggia sarà più somigliante a quello delle grandi spiagge attrezzate in modo pianificato: settori dedicati alle maxi taglie, alle medie e alle mini, con un particolare riguardo alla loro incolumità e al rigoroso layout che prevede una distanza di due metri tra i lettini. Quest’anno la novità del Tavolo-Tana, una trovata per favorire il riposo all’ombra dei cani di media e piccola taglia, amanti delle postazioni protette”.

In spiaggia dovranno essere osservate le norme di distanziamento: “E’ consigliata la mascherina per i percorsi verso i servizi e al bar quando si ordina, sempre nell’osservanza del rispetto reciproco e del buon senso; distributori di sanificante saranno distribuiti in tutta l’area dell’arenile, con particolare attenzione alla zona dei servizi“, è aggiunto. Avendo il Baubeach un’ampia superficie (7000mq) ed attrezzature a sufficienza, non sarà necessaria la prenotazione.

Animali, il viaggio di 10 tigri da Latina in Russia: forse destinate al traffico illecito

Sarà incentivato l’abbonamento per le aree attrezzate, in modo da favorire i soci fidelizzati. Per l’estate 2020 nei percorsi, studiati, alla pari delle attività, per evitare l’assembramento, così come presso i servizi, saranno a disposizione dispenser con sanificante e “tutte le attrezzature verranno accuratamente igienizzate dopo ogni utilizzo, con attenzione particolare all’area ristoro“.

 

(Visited 386 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago