Animali

Animali, vittoria degli animalisti: niente più foie gras nei supermercati

Condividi

Anche la catena Iper, l’ultima a resistere, accetta le richieste degli animalisti: il foie gras è ufficialmente bandito da tutti i supermercati italiani.

L’ong Essere animali ha reso noto che la catena di supermercati Iper non metterà più in vendita il foie gras: le ultime scorte sono state vendute e non verrà più acquistato.

Foie gras da cellule staminali, in vendita tra massimo cinque anni

Letteralmente “fegato grasso”, il foie gras è una tradizionale “prelibatezza” francese derivante dal fegato di oche e anatre che vengono ingozzate tramite alimentazione forzata. Una pratica che, documentata migliaia di volte, prevede l’uso di tubi o imbuti che vengono inseriti a forza nella bocca del povero animale di turno per nutrirlo fino a scoppiare, prima che il suo fegato possa essere trasformato in quella famosa crema e patè distribuita in mezzo mondo.

 


L’associazione Essere Animali ha lanciato la campagna #ViaDagliScaffali con l’obiettivo di spingere la grande distribuzione organizzata a cessare le vendite di foie gras. Iper è la 13esima catena di supermercati italiani ad aderire alla campagna. “A fine 2019, dopo alcuni anni dal lancio della nostra campagna, Iper era rimasta l’ultima insegna della grande distribuzione ad averlo ancora in vendita. In 27mila hanno firmato la petizione, migliaia si sono fatti sentire via mail e sui social e con telefonate agli uffici.”

In Francia verranno abbattute 600mila anatre per l’emergenza aviaria. Oipa: “Colpa degli allevamenti intensivi”

Grazie alla mobilitazione di tante persone – conclude Essere Animali – in questi anni siamo riusciti a ottenere un grande successo: 12.800 supermercati appartenenti alle principali insegne del settore hanno scelto di non vendere più questo prodotto estremamente crudele. Ad oggi lo riteniamo praticamente assente nei supermercati italiani, ma ovviamente continueremo un’opera di monitoraggio“.

(Visited 40 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago