Attualità

Russia, un villaggio alle prese con un’invasione di orsi polari

Condividi

Il villaggio di Ryrkaypiy, nel nordest della Russia, sta affrontando un’insolita invasione di orsi polari. Per il WWF è dovuta allo scioglimento dei mari ghiacciati che spinge gli orsi nell’entroterra alla ricerca di cibo.

Un villaggio nel nord est della Russia sta lavorando per allontanare dozzine di orsi polari che si sono avvicinati in cerca di cibo. L’invasione dei 56 orsi ha portato alla cancellazione di una serie di eventi pubblici nel villaggio di Ryrkaypiy, tra cui le prove per il concerto di Capodanno. I più piccoli sono costretti a prendere degli autobus speciali per andare a scuola.

Animali, avvistato un orso polare con dei graffiti VIDEO

Due persone sono state incaricate di pattugliare il bordo esterno del villaggio per respingere l’entrata degli orsi con l’ausilio di alcuni volontari. Secondo Tatyana Minenko, responsabile del pattugliamento, gli orsi sono tutti malnutriti e sono sia adulti che cuccioli. Si crede che si siano avventurati nel villaggio dopo aver scoperto nelle vicinanze dei corpi di trichechi con i quali si stanno nutrendo.

Orso polare viaggia per centinaia di chilometri e finisce in mezzo ai rifiuti VIDEO

 

Selfie con orsi polari morti per promuovere battute di caccia

Nonostante una visita del genere non sia inusuale, secondo il WWF il numero degli orsi lo è: “La ragione principale è lo scioglimento dell’area ghiacciata a causa dei cambiamenti climatici. In assenza di ghiaccio, gli animali sono costretti a spostarsi in cerca di cibo”. Mikhail Stishow, di WWF-Russia “se c’è abbastanza ghiaccio gli orsi si spostano a nord in cerca delle foche. Dal momento che il ghiaccio non è abbastanza stabile, rimangono sulla costa e visitano i villaggi a causa della curiosità e della fame. I depositi di rifiuti possono attrarre gli animali. Gli orsi vanno in cerca di cibo attirati dall’odore, incuranti della disponibilità effettiva di cibo”. Mikhail ha aggiunto che “i raduni di orsi polari stanno diventando più frequenti e dobbiamo trovare una soluzione per evitare conflitti tra gli animali e le persone”.

(Visited 4 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago