I cittadini svizzeri voteranno questa domenica per vietare la sperimentazione medica sugli animali. In caso di successo sarebbe la prima nazione al mondo a vietare l’uso di cavie da laboratorio.

Domenica in Svizzera si voterà per diventare il primo paese a vietare completamente i test medici sugli animali, dopo che gli attivisti per i diritti degli animali hanno raccolto abbastanza sostegno per organizzare un referendum nel paese, che ospita un enorme settore farmaceutico.

Madrid, sospesa l’attività del laboratorio dopo aver verificato i segni di abuso sugli animali

Secondo le statistiche del governo, più di 550.000 animali sono morti in test di laboratorio nel 2020 in Svizzera. La cifra include 400.000 topi e ratti, quasi 4.600 cani, 1.500 gatti e 1.600 cavalli. Durante e dopo gli esperimenti furono uccisi anche primati, mucche, maiali, pesci e uccelli.

 


“È crudele e inutile fare esperimenti sugli animali e sono certo che possiamo sviluppare farmaci senza di essi“, ha affermato Renato Werndli, un medico della Svizzera nordorientale che ha lanciato l’iniziativa nell’ambito del sistema svizzero di democrazia diretta.

Animali, un professore aiuta i ratti da laboratorio a trovare una nuova casa

L’esito del referendum sarà vincolante.

Secondo i sondaggi però il referendum non dovrebbe andare a buon fine, a favore del settore farmaceutico, che ha avvertito che la mossa fermerebbe lo sviluppo di nuovi farmaci e costringerebbe aziende e ricercatori a trasferirsi all’estero.

Non dovremmo sfruttare gli animali per i nostri fini egoistici, ha affermato Werndli, aggiungendo metodi di ricerca come i biochip – minuscoli chip che ospitano un gran numero di reazioni biochimiche – le simulazioni al computer o il microdosaggio su esseri umani sono stati più efficaci dei test sugli animali.

 


Il gruppo di lobby farmaceutica Interpharma afferma che il settore, che comprende aziende come Roche e Novartis (NOVN.S), contribuisce per il 9% all’economia svizzera, compresi gli effetti indiretti, e genera quasi la metà delle esportazioni svizzere.

Interpharma ha guidato l’opposizione del settore, affermando che le proposte sarebbero devastanti se adottate.

Animali, maiali vivi usati per i crash test delle auto FOTO CHOC

“La ricerca sui farmaci, gli studi clinici negli ospedali e la ricerca di base nelle università… non sarebbero più possibili”, ha affermato Rene Buholzer, CEO di Interpharma.

I capi farmaceutici hanno affermato che un divieto di test sugli animali potrebbe portare alla fine di nuovi farmaci.

 


“Penso che si sia visto ai tempi del Covid quanto sia importante scoprire nuovi vaccini, quanto siano importanti nuovi farmaci. E sono stati testati sugli animali”, ha detto a Reuters l’amministratore delegato di Idorsia (IDIA.S) Jean-Paul Clozel .

Maries van den Broek dell’Università di Zurigo conduce una ricerca che impianta tumori nei topi per studiare come rafforzare il loro sistema immunitario per combattere il cancro.

“Poiché non comprendiamo nemmeno il 10% dei processi in corso all’interno di un tumore, è impossibile utilizzare modelli informatici o colture cellulari per comprendere la complessa biologia del cancro“, ha affermato.

Prima che gli scienziati inizino un esperimento sugli animali, devono dimostrare che non ci sono alternative e la loro ricerca è importante.

Usiamo circa 750 topi all’anno. Muoiono tutti alla fine dell’esperimento, ma non ci sono alternative”, ha detto. “Senza questo particolare esperimento, non saremmo in grado di sviluppare trattamenti che salvano vite umane”.

 


Gli ultimi sondaggi d’opinione mostrano che solo il 26% degli elettori sono a favore del divieto e il 68% contrario.

Torture sugli animali, scoperto laboratorio lager VIDEO SHOCK

Werndli ha affermato che la campagna ha aumentato la consapevolezza sulla difficile situazione degli animali da laboratorio e ha continuato a sperare nel successo.

“Spero che alla fine possiamo cambiare e che la Svizzera possa essere un esempio positivo per il resto del mondo per aiutare a fermare la sofferenza degli animali“, ha affermato.

Articolo precedenteOceani, bastano delle luci al led per salvare squali e tartarughe dalle reti dei pescatori
Articolo successivoMobilità, pronto a partire il primo aereo di linea completamente elettrico