BiodiversitàTerritorio

Animali, lo spettacolo dello “stormo” di manta nell’oceano VIDEO

Condividi

Un fotografo è riuscito a catturare le immagini di migliaia di manta che nuotano all’unisono, non dissimili da uno stormo di uccelli in cielo.

Queste immagini meravigliose mostrano migliaia di mobule che si muovono perfettamente all’unisono, come uno stormo di uccelli.

Animali, il baby polpo lascia il bicchiere di plastica per una nuova “casa” VIDEO

Le immagini sono state catturate dal fotografo oceanico Nadia Aly, che ha passato ore nuotando a pelo del fondale della Baja California, in Messico.

Le mobule (chiamate anche diavoli di mare) sono parenti strette degli squali, ma vengono dalla stessa famiglia delle manta comuni e, nonostante il nome, sono una razza molto timida e difficile da filmare.

Animali, le foto vincitrici del Concorso Wildlife Photographer of the Year 2019

Riuscire a riprendere così tante mobule, con una visibilità quasi perfetta, è una cosa che capita una volta nella vita“, ha raccontato Nadia.

Secondo la fotografa 35enne nativa di Mountain View, California, c’erano almeno 10mila manta.

Chiamata dai pescatori “tortilla volante“, le mobula sono famose per la loro propensione a volare quasi letteralmente al di fuori dell’acqua, arrivando ad oltre 2 metri di altezza, per poi rituffarsi in mare per riunirsi ai compagni.

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago