AnimaliGood News

Animali, lo spettacolo del banco di pesci che nuota formando un cuore

Condividi

Straordinarie riprese aeree hanno catturato un banco di pesci che si muove nel mare formando un cuore perfetto.


Un ristoratore locale è riuscito a riprendere con il suo drone un banco di pesci che nuotava formando un perfetto cuore.

Il banco di Crevalle Jack, conosciuti comunemente come carango cavallo,  riflette la luce del sole mentre si muove all’unisono formando un cuore prima di trasformarsi in un anello vorticoso.

La clip ricorda il banco di pesci luna in Alla ricerca di Nemo della Pixar, che creava una serie di forme vorticose ed eteree per parlare con Marvin il pesce pagliaccio.

Fiumi e laghi invasi da pesci rossi giganti, il Comune ai cittadini: “Ricordatevi che è illegale e pericoloso”

Il proprietario di un ristorante locale, Paul Dabill, 47 anni, ha avvistato i pesci mentre pilotava il suo drone DJI Mavic Air 2 appena fuori Juno Beach nella contea di Palm Beach, in Florida.

Paul ha detto: “Cercavo i muggini che in questo periodo migrano, ma invece ho trovato questo banco di Crevalle Jack.”

Bioplastica prodotta con squame di pesci: premiata una giovane designer

“Ho riconosciuto subito la forma a cuore del banco non appena l’ho vista”

Paul ha descritto l’esperienza come “un momento speciale e bellissimo”. Di questo non abbiamo dubbi.

(Visited 16 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago