Un rarissimo esemplare multicolore di polpo palmato è stata avvistata nella Grande Barriera Corallina.

Un gruppo di biologi marini ha avuto l’incredibile fortuna di riprendere un rarissimo esemplare di polpo palmato che nuotava tranquillo vicino alla Grande Barriera Corallina.

Grande Barriera Corallina, gli ambientalisti australiani scrivono all’Unesco: “Inserirla subito nel patrimonio in pericolo”

Il mollusco marino è stato avvistato la scorsa settimana dalla guida e biologa marina Jacinta Shackleton, al largo della costa dell’isola di Lady Elliot nella Grande Barriera Corallina.

 


“Quando l’ho visto per la prima volta, ho pensato che potesse essere un pesce giovane con le pinne lunghe, ma quando si è avvicinato ho capito che era una femmina di polpo palmato e ho provato un senso di gioia ed eccitazione travolgente“, ha detto.

“Continuavo a urlare attraverso il mio boccaglio, ‘è un polpo palmato!’ Ero così eccitata che trovavo difficile trattenere il respiro per immergermi e filmarlo.”

 


I polpi palmati sono estremamente rari. Il primo avvistamento di un maschio vivo è stato fatto 21 anni fa, appena a nord della Grande Barriera Corallina nelle Ribbon Reefs, dal dottor Julian Finn, un curatore senior di invertebrati marini al Museums Victoria, e colleghi.

Grande Barriera Corallina: piccoli segnali di ripresa, ma la minaccia resta costante

Mentre le femmine crescono fino a 2 metri di lunghezza, i maschi sono arrivano solo fino a circa 2,4 cm di lunghezza.

Si pensa che ci siano stati solo tre avvistamenti del polpo nella zona. In genere trascorre il suo ciclo di vita in mare aperto, quindi è ancora più insolito vederne uno sulla barriera corallina.

Articolo precedenteCovid, alcuni composti della cannabis possono prevenire l’infezione
Articolo successivoInquinamento, le asciugatrici causano il rilascio di milioni di microfibre nell’aria