Animali

Animali, Shenzen è la prima città cinese a vietare il consumo di cani e gatti

Condividi

Shenzen sarà la prima città cinese in cui sarà proibito mangiare cani e gatti. La decisione è stata presa per via del forte legame tra i cinesi e gli animali domestici.

Shenzhen potrebbe diventare la prima grande megalopoli cinese a vietare il consumo della carne di cane e gatto, qualora dovesse essere approvata la proposta di legge del governo municipale che mira a ridurre il consumo della carne di animali selvatici.

Coronavirus, migliaia di animali abbandonati in Cina per via dell’epidemia

Lunedì scorso, il Congresso Nazionale Popolare Cinese ha emesso un ordine per vietare il consumo di carne di animali selvatici nel paese. Questa misura dovrebbe entrare in vigore entro la fine dell’anno ed è stata presa in risposta all’epidemia del Covid-19, che secondo le autorità è iniziata nel mercato di Wuhan nella provincia di Hubei.

Coronavirus, la Cina chiude oltre 20.000 allevamenti di animali selvatici

Tuttavia il divieto proposto dal governo di Shenzen non fa parte del piano per ridurre la trasmissione della malattia ma è stato proposto relativamente allo speciale rapporto che esiste tra persone e animali domestici, in onore del “senso civico”. “Shenzen potrebbe essere in grado di farlo” ha commentato Deborah Cao, professoressa della Griffith University in AustraliaLo spero veramente tanto”. Il consumo della carne di cane e di gatto è molto diffuso nella provincia del Guangdong, dove si trova Shenzen, nella provincia del Guangxi e nella Cina nord orientale ma non è praticato universalmente in tutta la Cina e col tempo sta diventando una pratica sempre meno accettata. Taiwan ha già vietato il consumo di questo tipo di carne nel 2017.

Il consumo dei cani è una pratica molto controversa che spesso ha portato a scontri tra i ladri di cani e i proprietari” ha spiegato Wendy Higgins, direttrice di Humane Society International (HSI)Gran parte della società si oppone al commercio di questo tipo di carne e in particolare i giovani vedono i cani esclusivamente come compagni”. Se il divieto dovesse essere approvato altri animali identificati come potenziali portatori di malattie tra cui tartarughe, serpenti e uccelli potrebbero essere inclusi nella lista di animali il cui consumo è proibito. Secondo il divieto di Shenzen, la vendita della carne di questi animali nei ristoranti potrebbe essere multata dai 2,500 ai 25,000 euro.

Coronavirus, la Cina vieta il commercio e il consumo di animali selvatici

HSI stima che ogni anno in Cina vengano uccisi tra i 10 e i 20 milioni di cani mentre Animals Asia sostiene che la cifra dei gatti sia intorno ai 4 milioni l’anno. “La grande maggioranza di cani coinvolti nel commercio sono cuccioli rubati o randagi. Dopo essere stati rubati gli animali vengono messi a centinaia in piccole gabbie, impossibilitati a muoversi e caricati nei camion” ha spiegato Higgins. I gruppi animalisti si sono sempre battuti contro le pratiche utilizzate nel commercio della carne dei cani, dai furti ai trasporti fino al massacro.

(Visited 57 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago