Attualità

Animali, in una serie di scatti la lotta per salvare i koala dall’estinzione

Condividi

Una serie di scatti pubblicai dal Guardian mostrano la sofferenza dei koala sopravvissuti agli incendi che hanno devastato l’Australia, e la lotta dei volontari per salvarli dall’estinzione.

I devastanti incendi che hanno colpito il sud dell’Australia hanno quasi estinto i koala, uccidendo oltre 1000 esemplari e ustionandone gravemente altrettanti.

La specie sembra ormai spacciata, ma non tutti si sono arresi. In una serie di scatti pubblicati dal Guardian possiamo vedere tutti gli sforzi dei volontari dell’ospedale per koala di Port Macquarie  che lavorano a fianco dell’equipaggio del NSW National Parks and Wildlife Service per curare i koala salvati da devastanti incendi boschivi.

Questo è il koala Paul, che è stato salvato dall’incendio che ha distrutto la riserva naturale di Lake Innes e che viene curato al Port Macquarie Hospital

Animali, più di mille koala morti a causa degli incendi in Australia

Le volontarie Sheila Baliley e il suo team cercano di curare il koala Kate dalle ustioni che hanno bruciato le sue zampe.

Incendi, una donna si getta tra le fiamme per salvare un koala VIDEO

Heyne Flanagan, Sheila Bailey, Rebecca Turner e Judy Brady curano le gravi ustioni su un koala di nome Peter della riserva naturale del Lago Innes.

Ecco Bear, il cane eroe che aiuta i pompieri a salvare i koala

 

(Visited 43 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago