Attualità

Animali, sequestro record di zanne di elefante VIDEO

Condividi

Nove tonnellate di avorio di contrabbando,ricavato dalle zanne di oltre 300 animali, sono state sequestrate dalla polizia di frontiera di Singapore.

 

La polizia di Singapore ha effettuato un sequestro record di avorio, circa 9 nove tonnellate, la più alta quantità mai recuperata,ricavato dalle zanne di circa 300 elefanti, secondo la stima delle autorità.

Il carico illegale, scoperto domenica in un container proveniente dalla Repubblica Democratica del Congo, conteneva anche un’enorme quantità di scaglie di pangolino – il terzo di questo tipo recuperato nell’arco di pochi mesi.

Animali, 600 arresti per traffico di specie protette VIDEO

Gli agenti hanno spiegato che sia l’avorio che le scaglie di pangolino erano in un container segnato come legname destinato al Vietnam attraverso Singapore, uno dei maggiori hub navali dell’Est Asiatico.

Allarme Elefanti, a rischio estinzione. Solo 400.000 esemplari in Africa

Durante l’ispezione le autorità hanno trovato 8,8 tonnellate di avorio di elefante,del valore di 12,9 milioni di dollari, il più grande sequestro di questo tipo effettuato a Singapore.Nel container sono state trovate anche 11,9 tonnellate di scaglie di pangolino,provenienti da circa 2000 mammiferi,del valore totale di 35 milioni di dollari.

Questo sequestro porta il totale di scaglie recuperate da aprile a 37,5 tonnellate, pari a 112,5 milioni di dollari.

I pangolini,conosciuti anche come formichieri scagliosi, sono a rischio estinzione.Sono tra gli animali più cacciati dai bracconieri, per via della loro carne, considerata una delicatezza, e per le loro scaglie, a cui alcune culture orientali attribuiscono proprietà medicinali.

L’avorio invece è richiesto come materiale per oggetti come pendagli, pettini, e altri gioielli esotici.

Animali, l’estinzione degli elefanti potrebbe accelerare l’emergenza climatica

Il commercio globale di avorio è diventato fuorilegge dal 1989 – a parte alcune eccezioni – dopo che la popolazione degli elefanti africani è crollata dai due milioni della metà del ventesimo secolo ai circa 600mila della fine degli anni 80.

(Visited 86 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago