Animali

Animali, salvati quattro cuccioli di riccio da un “nido” di rifiuti di plastica: stavano per soffocare

Condividi

Hanno rischiato la vita perché intrappolato da un nido di rifiuti di plastica. Grazie all’intervento di alcuni volontari e dalle cure del  Whitby Wildlife Sanctuary i quattro cuccioli di riccio sono stati salvati da una trappola mortale.

Salvati quattro piccoli ricci intrappolati da un “nido” dei rifiuti di plastica. I grugniti si sono sentiti nel giardino di una proprietà a Yarm, Teesside, e portati al Whitby Wildlife Sanctuary nel North Yorkshire. Alexandra Farmer, fondatrice dell’ente benefico, ha affermato che due di loro hanno riportato ferite dovute al fatto di essere rimasti impigliati nelle pattumiere.

Animali, guardare video di lupi su YouTube aumenta l’affetto verso questa specie. Lo studio

“Uno dei piccoli aveva un involucro di plastica attorno al suo stomaco e quando il nostro volontario l’ha sfilato, il cucciolo ha emesso un lungo sussulto perché stava avendo difficoltà a respirare – racconta Farmer – Un altro aveva la plastica avvolta attorno alla sua gamba in maniera così stretta che era gonfia dal limitato afflusso di sangue. Dobbiamo monitorarli attentamente ma stanno andando bene.” La mamma  dei cuccioli si era allontanata da loro perché li riteneva abbastanza grandi per cavarsela da soli. 

Due di loro non sarebbero stati in grado di liberarsi, erano avvolti nella plastica e c’è voluto un bel po’ di lavoro dei nostri volontari“, continua Farmer. 

Basta animali in lockdown! La nuova campagna lanciata da HSI Italia

Miss Farmer ha dichiarato che l’incidente ha mostrato che “rifiuti come plastica e immondizia non  correttamente smaltiti” possono essere delle trappole mortali per gli animali.  Il messaggio non sembra entrare nella testa delle persone“, conclude. 

Animali, mamma cigno muore di crepacuore: aveva perso tutta la sua famiglia a causa di teppisti

 

(Visited 22 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago