In un anno la Guardia di Finanza ha salvato oltre 200 cuccioli di cane vittime del traffico di animali dall’Est Europa.

Oltre 200 cuccioli di cane, appartenenti a 25 diverse razze, sono stati messi in salvo dalla Guardia di Finanza di Gorizia, provenienti dal traffico di animali dall‘Est Europa e pronti ad essere venduti in Italia.

Traffico animali selvatici e wet market: “Vanno fermati”. Intervista a Martina Pluda, direttrice HSI Italia

I cuccioli vengono allevati in diversi paesi dell’Est e vengono allontanati prima del previsto dalla madre, per poi essere trasportati su camion o autoveicoli stipati in piccole scatole nascoste nei portabagagli, causando spesso la morte di molti di loro.


Gli ultimi due sequestri sono avvenuti pochi giorni fa, consentendo di liberare i cuccioli, alcuni dei quali in gravi condizioni, mentre i responsabili venivano denunciati all‘Autorità Giudiziaria.

Animali, il viaggio di 10 tigri da Latina in Russia: forse destinate al traffico illecito

Il traffico di cuccioli è un’attività molto redditizia per la malavita dell’est. Un cucciolo di razza pregiata in buone condizioni può essere venduto in Italia anche a 3000 euro.

Tutti i cuccioli sequestrati sono stati affidati in custodia a diversi canili gestiti dall’Asugi e dall’Aipa per ricevere le cure necessarie; una volta recuperate le forze sono stati dati in affidamento a coloro che ne facevano richiesta.

Articolo precedenteCon la Brexit il Regno Unito esporterà i rifiuti nei paesi più poveri
Articolo successivoFrancia, dopo la Nutri-score per gli alimenti arriva l’etichetta Eco-score per l’ambiente