AnimaliVideo

Animali, lotta al traffico di cani: salvati a Gorizia 220 cuccioli

Condividi

In un anno la Guardia di Finanza ha salvato oltre 200 cuccioli di cane vittime del traffico di animali dall’Est Europa.

Oltre 200 cuccioli di cane, appartenenti a 25 diverse razze, sono stati messi in salvo dalla Guardia di Finanza di Gorizia, provenienti dal traffico di animali dall‘Est Europa e pronti ad essere venduti in Italia.

Traffico animali selvatici e wet market: “Vanno fermati”. Intervista a Martina Pluda, direttrice HSI Italia

I cuccioli vengono allevati in diversi paesi dell’Est e vengono allontanati prima del previsto dalla madre, per poi essere trasportati su camion o autoveicoli stipati in piccole scatole nascoste nei portabagagli, causando spesso la morte di molti di loro.


Gli ultimi due sequestri sono avvenuti pochi giorni fa, consentendo di liberare i cuccioli, alcuni dei quali in gravi condizioni, mentre i responsabili venivano denunciati all‘Autorità Giudiziaria.

Animali, il viaggio di 10 tigri da Latina in Russia: forse destinate al traffico illecito

Il traffico di cuccioli è un’attività molto redditizia per la malavita dell’est. Un cucciolo di razza pregiata in buone condizioni può essere venduto in Italia anche a 3000 euro.

Tutti i cuccioli sequestrati sono stati affidati in custodia a diversi canili gestiti dall’Asugi e dall’Aipa per ricevere le cure necessarie; una volta recuperate le forze sono stati dati in affidamento a coloro che ne facevano richiesta.

(Visited 202 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago