Animali

Tartarughe, record di nidi sulle spiagge senza turisti della Thailandia

Condividi

Gli scienziati hanno trovato 11 nidi di tartarughe liuto in Thailandia; si tratta del numero più alto degli ultimi vent’anni ed è dovuto all’assenza di turisti a causa del COVID-19.

In Thailandia sono stati trovati 11 nidi di tartarughe liuto, il numero più alto degli ultimi vent’anni. Secondo gli scienziati questo numero così alto è dovuto al crollo del turismo causato dalla pandemia globale del COVID-19.

 

Coronavirus, in India migliaia di tartarughe tornano a nidificare sulle spiagge

La Thailandia, con attualmente 2,765 casi e 47 morti, ha cancellato tutti i voli internazionali e ha chiesto ai propri cittadini di stare a casa e limitare gli spostamenti; questo ha permesso alla fauna di riappropriarsi degli spazi perduti. Kongkiat Kittiwatanawong, direttore del Phuket Marine Biological Center, ha spiegato: “E’ veramente una buona notizia considerando che molte aree di nidificazione sono state distrutte dagli umani. Negli anni passati le tartarughe non sono riuscite a nidificare a causa della presenza umana e del pericolo rappresentato dall’attrezzatura da pesca“.

Animali, il progetto per salvare una specie di tartarughe dall’estinzione sta avendo successo

La tartaruga liuto è la più grande tartaruga marina del mondo; la specie è considerata a rischio in Thailandia ed è stata inserita nella lista delle specie “vulnerabili” dall’International Unione for Conservation of Nature. Questi animali depongono le uova in ambienti silenziosi e al buio, difficili da trovare dato il gran numero di turisti che ogni anno visita la Thailandia.

E’ l’odore della plastica a trarre in inganno le tartarughe

A fine marzo, lo staff del parco nazionale nella provincia di Phanga Nga ha trovato 84 cuccioli di tartarughe liuto dopo aver monitorato le uova per due mesi.

(Visited 52 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago