Animali

Brasile, quattro tartarughe marine avvistate nella baia dell’aeroporto di Rio

Condividi

Quattro tartarughe marine sono state avvistate nella baia dove si trova l’aeroporto di Santos Dumont di Rio de Janeiro ora che ci sono meno voli in partenza a disturbare questi animali.

Almeno quattro tartarughe marine sono state avvistate mentre nuotavano tra i rifiuti nei pressi dell’aeroporto turistico Santos Dumont di Rio de Janeiro in Brasile, ora che gli aerei sono fermi a causa della pandemia globale del coronavirus.

Giornata Mondiale delle Tartarughe, specie minacciata dalle attività umane

Sempre più animali vengono avvistati mentre entrano in aree solitamente popolato dall’uomo, come i leopardi delle nevi avvistati in una città in Kazakistan o i canguri in Australia. “La quarantena ha permesso agli animali di spostarsi in posti dove solitamente non vengono visti” ha commentato Mario Moscatelli biologo di Rio. Moscatelli ha spiegato che spesso le tartarughe entrano nella baia di Guanabara ma ora, con meno persone, barche e aerei che decollano, c’è possibilità che queste vengano avvistate più frequentemente.

Cambogia, nate 23 tartarughe appartenenti ad una rara specie a rischio

Dall’inizio della pandemia il 90% dei voli sono stati cancellati in Brasile: dal Santos Dumont, uno degli aeroporti più affollati del Brasile, ormai decollano meno di 15 aerei al giorno.

Tartarughe caretta caretta, ecco il primo nido dell’anno in largo anticipo

Ma gli animali che si avvicinano all’aeroporto sono comunque a rischio a causa della presenza di rifiuti: “Questi bellissimi animali possono confondere la plastica con il cibo. Questo può condurli alla morte perché la plastica può ostruire il tratto digestivo”.

(Visited 33 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago