Attualità

Animali, Prada dice addio alle pellicce. Stop dalle collezioni Primavera/Estate 2020

Condividi

Animali. Il gruppo Prada rompe con il passato e dice addio alle pellicce animali. A segnare la rottura saranno le collezioni Donna Primavera/Estate 2020. Lo stock di prodotti delle precedenti collezioni continuerà ad essere oggetto di vendita fino ad esaurimento, mentre i nuovi prodotti non saranno prodotti con pellicce.

L’annuncio è stato diffuso in collaborazione con la Fur Free Alliance (FFA), il network che riunisce più di 50 organizzazioni che si battono per la protezione degli animali in oltre 40 paesi, ed è frutto di un dialogo positivo intercorso tra il gruppo, i membri di FFA, LAV e The Humane Society of the United States.

Maltrattamento degli animali, la proposta di legge del M5S

“L’innovazione e la responsabilità sociale – ha dichiarato Miuccia Prada – sono parte dei valori fondanti del gruppo Prada e la decisione di sottoscrivere la politica fur-free (frutto di un dialogo costruttivo con Fur Free Alliance e in particolare con LAV e con The Humane Society of the United States) rappresenta un importante traguardo nell’ambito di questo nostro impegno”.

Circo, niente più animali nel Regno Unito. E in Italia?

Sottolineando come l’elenco di marchi che hanno smesso di utilizzare pellicce sia sempre più lungo, Fur Free Alliance si è congratulata con Prada per la sua svolta fur-free.

Animali domestici, ora i degenti potranno incontrare i loro amici a 4 zampe all’Ospedale dei Castelli

Per Joh Vinding, presidente della Fur Free Alliance, “la ricerca e lo sviluppo di materiali alternativi consentirà all’azienda di esplorare nuove frontiere della creatività e di rispondere, allo stesso tempo, alla domanda di prodotti più responsabili”.

“La decisione del Gruppo Prada di adottare una politica fur-free – ha affermato Simone Pavesi, manager per LAV dell’area Animal Free Fashion – è coerente con una nuova idea di lusso più etico e sostenibile e risponde alle aspettative dei consumatori, oggi più attenti a scegliere prodotti che rispettino l’ambiente e gli animali”.

(Visited 64 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago