CronacaTerritorio

Animali, pompiere salva gattino e si commuove VIDEO

Condividi

Un vigile del fuoco di Massa Carrara ha salvato un gattino intrappolato in un giardino,ma una volta stretto al petto non è riuscito a trattenere le lacrime, diventando una star sui social.

Una storia di eroi del giorno, di omoni grandi e grossi che si commuovono, una storia dolcissima. Matteo è un vigile del fuoco in forza a Massa Carrara da tre anni.Il pompiere è impegnato, insieme ai suoi colleghi al salvataggio di una cucciolata di gattini rimasti incastrati in un sottoscala; una volta estratti tutti i gattini il vigile non è riuscito a trattenere la commozione.

Animali, il tenero amore degli scoiattoli per i fiori da campo

Nel video si vede il pompiere sollevare il piccolo felino e accarezzarlo con tenerezza, per poi rivolgersi ai colleghi in questo modo: “Mi viene da piangere, ci credi?”.

Asciugandosi le lacrime, alla fine, ripone il gatto in una scatola e abbraccia uno dei colleghi. “Bravi ragazzi, bravi!”, dice il capo a opera compiuta.

Animali. Federica Trivelli ed il suo sogno di salvare i maiali da macellazione sicura

Il filmato è diventato virale sui social. “Vedere un pompiere roccia commuoversi così, mi sono commosso anch’io. Grandi ragazzi ottimo lavoro che fate ogni giorno”,

“Da questo episodio si vede che è una brava persona – dicono i colleghi contattati al telefono – siamo orgogliosi, è un gesto che gli fa onore”.

 

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago