Roma

Animali, a Ostia la Feedog è lunga la metà, 150 metri di spiaggia libera per cani

Condividi

Animali. A Ostia  quest’anno la Feedog sarà lunga la metà. Solo 150 metri di spiaggia libera  riservati all’accoglienza degli animali da compagnia,  la metà rispetto ai 300 destinati lo scorso anno. Servizio fruibile quotidianamente da giugno ad agosto, limitato a weekend e festivi tra aprile e giugno e nel mese di settembre.

Quest’anno il X Municipio di Roma Capitale ha adibito all’accoglienza dei possessori di cani una fascia costiera di 150 metri del Lido di Ostia. Si tratta della metà dello spazio dedicato nello scorso anno, quando agli animali domestici di affezione – così come li definisce il bando d’appalto per l’affidamento dei servizi connessi alla balneazione sulla spiaggia – erano stati dedicati ben 300 metri.

Muratella, al canile la situazione è drammatica. Le associazioni scrivono alla sindaca Raggi

Roma dice addio al “lungomuro” di Ostia

L’area interessata, così come nel 2018, resta quella compresa nella fascia denominata ex Happy Surf, e specificamente riuarda il tratto compreso tra le Mura Foranee del Porto Turistico di Roma verso sud del Lido di Ostia, a ridosso del lungomare Duca degli Abruzzi.

L’accesso alla spiaggia riservata agli animali di compagnia sarà garantito tutti i giorni dalle 9:00 alle 19:00 nel periodo compreso tra il 16 giugno al 31 agosto. Nel precedente periodo, invece, compreso tra il 20 aprile al 15 giugno e in quello successivo, compreso tra il 1° e il 30 settembre, sarà possibile usufruire dell’area solo nei weekend  e nei giorni festivi, ugualmente dalle ore 9:00 alle ore 19:00.

Arrivano nelle scuole i nostri amici a 4 zampe

Animali, un terzo dei padroni li considera come figli. Dati Eurispes

Oltre al dimezzamento dell’estensione quest’anno c’è di nuovo che viene meno il limite numerico di presenza, precedentemente fissato in 50 cani contempraneamente.

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago