Roma e Dintorni

Animali domestici, ora i degenti potranno incontrare i loro amici a 4 zampe all’Ospedale dei Castelli

Condividi

Gli animali d’affezione rappresentano una parte integrante nella vita di chi li ama, ancor più quando ci si trova in situazioni di fragilità emotiva e fisica come durante un ricovero. Per questo è stata inaugurata questa mattina, all’interno dell’Ospedale dei Castelli l’area “4 Zampe con te”, che nasce dalla collaborazione fra la Asl Roma 6, la struttura regionale​ Promozione e Prevenzione della Salute​ e l’Istituto Zooprofilattico del Lazio e della Toscana.

L’iniziativa dà seguito al decreto ad acta emanato dalla Regione Lazio, un provvedimento fortemente voluto dai vertici regionali, che consente e disciplina l’accesso di cani, gatti e conigli in visita a pazienti ricoverati presso strutture sanitarie e ospedaliere, pubbliche e private, accreditate.

“Il momento della malattia è una fase molto difficile da affrontare e avere al proprio fianco, oltre ai parenti e le persone care,​ anche i nostri animali domestici è un fattore che può avere ricadute molto positive nel processo di cura e riabilitazione dei pazienti di qualsiasi età. E’ stato fatto un grande lavoro organizzativo per permettere l’attivazione di questo servizio e voglio ringraziare tutte le strutture sanitarie e il personale”, ha spiegato l’Assessore alla Sanità e l’Integrazione Sociosanitaria della Re­ione Lazio,​ Alessio D’Amato.

Cimiteri per gli animali, le Marche approvano. Si anche alla cremazione

“Siamo parte del circuito di risorse istituzionali che la Regione Lazio coordina e collega per ottenere maggiori risultati​ a beneficio dei cittadini”,​ ha affermato​ Ugo Della Marta, Direttore Generale dell’IZS Lazio e Toscana.​ “Il nuovo​ Ospedale dei Castelli dimostra che l’intuizione della Regione Lazio era vincente e per primo ha applicato il decreto regionale.​ Oggi inauguriamo un servizio che può contribuire ad aumentare i benefici terapeutici delle cure,​ permettendo, in sicurezza,​ agli affetti domestici a quattro zampe di fare compagnia ai pazienti ricoverati”.​ ​

Maltrattamento degli animali, la proposta di legge del M5S

“Consentire ai degenti il contatto con i propri animali domestici, ormai veri e propri membri della famiglia, rappresenta un passo ulteriore verso l’umanizzazione delle cure, faro che guida ogni nostra azione. L’Ospedale dei Castelli è una struttura nuova, funzionale e ricca di tecnologia, ma ciò che conta ancora di più è il nuovo modo di intendere la sanità pubblica, di cui vogliamo essere capofila. Questo provvedimento ne è un importante tassello: il nuovo ospedale è la prima struttura sanitaria pubblica della Regione ad avere attivato questo servizio“, ha detto Narciso Mostarda, Direttore generale della Asl Roma 6.

Circo, niente più animali nel Regno Unito. E in Italia?

L’incontro fra i degenti e il loro animale domestico è disciplinato da un regolamento specifico per il nuovo ospedale, che garantisce i benefici derivanti dal contatto con gli animali, assicura che tale interazione non presenti criticità di tipo igienico-sanitario verso altri degenti e l’ambiente circostante, e tutela il benessere psico-fisico degli animali in visita: l’area “4 Zampe con te” è dotata di due ingressi, uno per il paziente, situato all’interno della struttura ospedaliera e l’altro per l’animale, con accesso esterno; gli animali ammessi sono i più comuni animali d’affezione domestici (cani, gatti e conigli) e la visita può avvenire solo con l’autorizzazione della Direzione sanitaria e alla presenza di personale debitamente formato; è consentito l’ingresso di un animale per volta, che deve essere pulito e spazzolato prima della visita. Gli animali devono essere accompagnati dal certificato sanitario di buona salute rilasciato dal veterinario e, nello specifico, i cani devono essere identificati e iscritti all’anagrafe canina, condotti al guinzaglio e avere al seguito la museruola.

Animali, quali sono i prodotti non testati e come riconoscerli. Lista aggiornata 2018

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago