Animali

Animali, orso bruno avvistato in un parco della Spagna dopo 150 anni di assenza

Condividi

Un orso bruno è stato filmato da una troupe che stava girando nell’ Invernadeiro national park in Spagna. L’ultimo avvistamento dell’orso nella regione risale a oltre 150 anni fa.

Un orso bruno è stato avvistato in un’area a nord-ovest della Spagna per la prima volta dopo 150 anni. Sebbene l’area sia abitata da lupi, cervi e cinghiali è la prima volta che un orso bruno viene avvistato dopo così tanto tempo.

Olio di palma, perché minaccia le foreste e la salute dell’uomo?

L’orso è stato fotografato grazie ad una serie di telecamere piazzate nell’area e ad un pizzico di fortuna; le camere infatti facevano parte di una troupe che stava girando il film Montaña ou Morte nell’ Invernadeiro national park in Galizia.  “L’orso, un maschio tra i tre e i cinque anni, è il primo ad essere filmato nell’area e probabilmente il primo ad aver attraversato la regione negli ultimi 150 anni” ha spiegato in un annuncio la compagnia di produzione Zeitun Films, che sta girando nel parco “Anni di lavoro hanno reso l’Inernadeiro national park l’habitat ideale per l’orso bruno”.

Spagna, spruzzano candeggina per disinfettare la spiaggia. Danni inestimabili

Secondo due ranger l’orso ha passato l’intero inverno del parco probabilmente dopo essere giunto dalla catena montuosa della Sierra del Caurel. L’avvistamento dell’animale nel parco potrebbe indicare la presenza di altri esemplari.

Orso M49, catturato sulle montagne del Trentino: era in fuga dal luglio scorso

 

Gli orsi bruni sono una specie protetta in Spagna dal 1973. Nel tentativo di proteggere la specie nella regione dei Pirenei , tra Francia e Spagna, le autorità hanno introdotto degli orsi bruni provenienti dalla Slovenia negli ultimi decenni. Uno degli orsi, Goiat, ha iniziato a cacciare cavalli, pecore e capre, facendo infuriare i contadini locali. Goiat si crede sia responsabile anche per una serie di attacchi recentemente avvenuti nella regione confinante dell’Aragona, che hanno portato a chiedere la rimozione dell’orso dall’area.

(Visited 201 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago