Territorio

Animalisti contro il mausoleo di Berlino: sfratta i pipistrelli

Condividi

Animali. Animalisti e ambientalisti in rivolta contro la realizzazione del monumento alla riunificazione tedesca.

Il motivo? i pipistrelli.

Non chirotteri qualunque, ma rari Myotis daubentonii, volgarmente detti pipistrelli di Daubenton, specie riconoscibile per le piccole orecchie e le minuscole dimensioni.

Una sessantina di loro ha in fatti da anni eletto dimora proprio negli spazi cavernosi sottostanti il posto dove dovrebbe sorgere il piedistallo.

Animali, centinaia di koala a rischio a causa di un incendio in Australia

La Nabu, l’Associazione per la protezione della natura, si è rivolta a un giudice per bloccare il progetto affinché i pipistrelli che abitano lì siano trasferiti (prima della costruzione del memoriale) in un’area vicina al monumento, sempre lungo la Sprea, preventivamente attrezzata non solo per dare loro una nuova casa ma anche per creare l’ecosistema che ne consenta la sopravvivenza.

Costo previsto, oltre un milione di euro, senza contare ulteriori ritardi per la costruzione dell’altalena.

Milla&Partner (gli architetti che stanno realizzando il memoriale) sostengono invece che i pipistrelli siano ancora nel piedistallo e che a causa dei rumori siano già emigrati verso un’area boscosa sulla Sprea molto più a Est.

Ma il memoriale ha una lunga storia di stop&go.

Animali, i delfini dell’Amazzonia contaminati da mercurio

È da oltre un decennio che problemi tecnici, costi fuori controllo e furibondi litigi sul suo significato rallentano, anzi bloccano la realizzazione del monumento alla riunificazione tedesca.

Deciso nel 2007 con un voto del Bundestag, il memoriale doveva essere completato in tempo per i 30 anni della caduta del Muro, che si celebrano il prossimo 9 novembre.

Il concorso per il progetto esecutivo risale al 2011, quando vinse l’idea degli architetti Milla&Partner: un gigantesco dondolo d’acciaio a forma di insalatiera del peso di 150 tonnellate, lungo 50 metri, montato su un piedistallo sull’asse Est-Ovest.

Violenza sugli animali, approvata negli Stati Uniti la proposta di legge per renderla crimine federale

A seconda di dove la gente si siederà, potrà oscillare verso Oriente o Occidente.

Sul monumento, la scritta «Wir sind das Volk, wir sind ein Volk», noi siamo il popolo, noi siamo un popolo, ricorderà i giorni della Wende, la svolta.

Ribattezzata «l’altalena dell’unità», la mega ciotola sarà collocata sul lungofiume nel cuore cittadino, proprio a lato dell’Humboldt Forum, dominato dalla ricostruzione critica del castello degli Hohenzollern, opera dell’italiano Franco Stella.

 

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago