Attualità

Animali. Federica Trivelli ed il suo sogno di salvare i maiali da macellazione sicura

Condividi

Animali. Salvare i maiali da macellazione sicura che segue un sequestro, dagli allevamenti intensivi, dalla vivisezione.

È questo l’obiettivo di Federica Trivelli, che per i suoi “ciccioni” ha fatto sfumare un matrimonio, ha scelto di lavorare part time e ha lasciato la città per trasferirsi a Vigone, nel Torinese, dove ha fondato “La piccola Fattoria degli Animali”.

Ai maiali, la 46enne di Torino ha dedicato una vita.

Quando l’uomo con cui stava le disse: “Scegli, o me o loro”, Federica Trivelli si guardò le unghie, ci pensò un attimo e poi rispose: “Loro”.

Tutto è iniziato nel 2009, quando “il primo ciccione” arrivò da un contadino.

Il percorso di “adozione” è più o meno questo: quando in qualche allevamento vengono sequestrati gli animali, ci sono dei tribunali che permettono a privati di “adattarli”.

Animali, il fiume Tamigi è diventata la casa di 138 cuccioli di foca

Federica li accoglie, li nutre e li accompagna verso una vecchiaia inusuale nella vita di un Sui no.

“Già, di solito il maiale è destinato alla tavola – racconta Federica – qui con me arriva alla morte naturale. E capita che si ammalino: al veterinario penso io, così come al cibo e all’acqua”.

Costo mensile: dai 1.500 ai duemila euro, quando non ci sono spese mediche importanti.

“Proprio per stare vicino a loro – ha aggiunto Federica – ho ottenuto un part time dalla società di ingegneria dove lavoro. Dunque da sola a volte non riesco: così ho fondato una onlus, La vie en rose, dove si possono fare donazioni spontanee”.

In “aiuto” c’è anche la pagina Facebook che conta migliaia di interazioni.

Ma qual è la giornata tipo di Federica?

“Mi alzo alle sei, faccio una corsa, poi vado da loro – dice – li pulisco, cambio l’acqua, gli do’ da mangiare. Poi una doccia e via, al lavoro. Con il pullman: impiego un’ora e mezza per andare e altrettanto per torna re, alla sera”.

Inoltre il rifugio deve essere sempre presidiato e così ci sono quattro o cinque volontari che si alternano per darle una mano.

Animali, Cuba vara nuove leggi per proteggere la fauna marina

Al sabato e alla domenica, invece, la vita di Trivelli è tutta per i «ciccioni».

E quando le viene chiesto perché lo fa, Federica risponde così: “ognuno di noi ha un progetto nella vita e il mio è questo. In passato mi so no impegnata in battaglie in difesa degli animali e dell‘ambiente. ll primo contatto con i maiali è avvenuto oltre dieci anni fa, negli Stati Uniti, quando una scrofa mi fissò intensamente negli occhi. Il mio messaggio non è quello più scontato, cioè “non mangiate carne di maiale”.

“Invito tutti – aggiunge poi – a conoscere meglio questi animali, sempre bollati come: sporchi e pigri quando non e vero. Se proviamo a vivere accanto a loro, a comprenderne le dinamiche di gruppo, scopriamo un mondo. E mangiarli diventa più difficile per tutti”.

 

(Visited 73 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago