Animali

Animali, gli ippopotami portati da Escobar ora sono un problema per la Colombia

Condividi

Gli ippopotami importati da Pablo Escobar sono diventati pericolosi per l’ecosistema dei laghi colombiani e si teme che questi continueranno ad aumentare in futuro.

Negli anni Ottanta il famoso signore della droga Pablo Escobar ha creato il suo zoo esotico in Colombia, con rinoceronti, giraffe, zebre, giraffe e ippopotami. Quando il suo impero è collassato negli anni Novanta, gli animali sono stati rilocati negli zoo tranne quattro ippopotami, che ora secondo uno studio pubblicato sulla rivista Ecology sono considerati come specie invasive che stanno distruggendo l’ecosistema acquatico del paese.

L’ippopotamo, il mammifero erbivoro a rischio estinzione

I quattro ippopotami si sono riprodotti e ora sono diventati ottanta. I ricercatori dell’Università della Californa e dell’ Universidad Pedagógica y Tecnológica de Colombia hanno passato due anni a studiare la qualità dell’acqua e dei microbi dei laghi dove vivono gli ippopotami confrontandoli con gli altri laghi.

Animali, la fauna del Sud Africa rischia di essere “inquinata geneticamente”

Gli ippopotami sono animali notturni che vanno in cerca di cibo durante la notte e passano il giorno dentro il lago. Il grande numero di rifiuti che espellono sta cambiando la chimica e il livello di ossigeno dell’acqua. I ricercatori hanno scoperto che gli escrementi stanno fertilizzando le alghe e i batteri, creando delle alghe simili alle maree rosse ,che possono causare problemi agli uomini e agli altri animali. Gli ippopotami sono difficili e pericolosi da cacciare e secondo gli scienziati il loro numero crescerà drasticamente nel corso degli anni, portando ad ulteriori cambiamenti nell’ecosistema dei laghi colombiani.

 

Tracciando un grafico della crescita della popolazione possiamo vedere che questa tende ad aumentare esponenzialmente” ha spiegato Jonathan Shurin, professore dell’ UC San Diego e autore dello studio “nei prossimi venti anni ce ne potrebbero essere a migliaia. Lo studio suggerisce che sia necessario fare qualcosa. Il problema è: cosa?”.

(Visited 15 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago