Animali

Clima, l’inondazione in India uccide più di 100 animali, tra cui 8 rinoceronti a rischio estinzione

Condividi

La recente stagione delle piogge ha causato una inondazione nello stato di Assam, in India, che ha ucciso più di 100 animali rari che vivevano in una riserva, compresi 8 rinoceronti di una specie in via di estinzione.

Più di 100 animali, tra cui almeno otto rinoceronti rari, sono morti nelle recenti inondazioni in un parco nazionale nell’India nord-orientale, secondo i funzionari.

Il parco Kaziranga nello stato di Assam ospita la più grande popolazione mondiale di rinoceronti indiani, in lotta contro l’estinzione dall’inizio del secolo.

Ma le piogge monsoniche di quest’anno hanno sommerso quasi l’85% del parco.

Le inondazioni hanno ucciso oltre 200 persone e sfollato milioni di persone in Assam, Nepal e Bangladesh.ù

Botswana, si indaga sulla morte dei 154 elefanti: escluso il bracconaggio

Il parco Kaziranga, che è un patrimonio mondiale dell’Unesco, ospita almeno 2.400 rinoceronti indiani. I funzionari del parco hanno riferito all’Hindustan Times che otto rinoceronti sono annegati durante le recenti piogge, mentre un altro è morto per cause naturali il mese scorso.

Decine di altri animali, tra cui cervi, bufali e istrici, sono morti – molti a causa dell’annegamento, mentre altri sono stati colpiti da veicoli nel tentativo di sfuggire alle acque alluvionali durante le forti piogge che hanno sommerso migliaia di villaggi.

Animali, 16 rinoceronti neri a rischio estinzione trovano una nuova casa

Almeno 79 persone sono morte nell’Assam nelle ultime settimane, mentre il Nepal ha riportato 117 morti.

Nel frattempo, funzionari del Bangladesh hanno dichiarato che almeno 67 persone sono morte e altri 2,6 milioni sono stati colpiti dalle inondazioni delle ultime due settimane.

Un totale di 55 persone sono morte per annegamento e otto per fulminazioni, ha riferito la portavoce del dipartimento della salute del Bangladesh, Ayesha Akther, all’agenzia di stampa AFP.

(Visited 32 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago