Biodiversità

Animali, gruppo di orche avvistate nel porto di Genova. I biologi: “Non è un buon segno” VIDEO

Condividi

Un gruppo di orche è stato avvistato nelle acque del porto di Genova. I biologi avvisano però che la situazione è molto grave, potrebbero aver perso la strada di casa.


Un gruppo di orche è stato avvistato nelle acque del porto di Genova Pra nella giornata di domenica. Il video postato sulla pagina Facebook di Limet (centro meteo ligure) è diventato virale. “Gli avvistamenti di orche nel Mediterraneo non sono una novità, ma sicuramente sono rarissimi”, ha detto al Secolo XIX Erika Esposti, biologa che cura i mammiferi marini nell’acquario di Genova.

Animali, trovata delfina sul lungomare di Ardea: stritolata da un filo di nylon

Il video è tra più visualizzati sul web e tutti si pongono lo stesso interrogativo: «Come hanno fatto ad arrivare fin qui tre orche? Me la sono fatta anche io questa domanda – continua Esposti – gli avvistamenti di orche nel Mediterraneo non sono una novità, ma sicuramente sono rarissimi. Erano anni che non se ne registravano.

Si può ipotizzare che la famigliola di orche stesse seguendo una rotta migratoria molto battuta, che di solito fa arrivare questi mammiferi dai mari del nord all’arcipelago delle Azzorre. Giunte a destinazione però hanno imboccato lo stretto di Gibilterra e sono arrivate nel Mediterraneo». Il video è stato girato dal pescatore alle 9 di ieri. Dopo aver esplorato lo specchio d’acqua della diga di Voltri, le orche si sono allontanate facendo perdere le loro tracce.

Animali, la fauna marina può aiutare la ricerca scientifica per monitorare gli oceani

«Non si sa con certezza che cosa le abbia spinte nel mar ligure – conclude la biologa dell’Acquario – non possiamo però escludere che i continui cambiamenti climatici, che causano sbalzi nelle temperature delle acque dei mari, possano disorientare questo genere di mammiferi. La speranza è che riescano a ritrovare la strada di casa e tornare nel loro habitat preferito».

Dopo aver visto le immagini delle orche, molti pescatori, ieri, sono salpati da Voltri e Prà nonostante le condizioni metereologiche proibitive: volevano provare l’ebbrezza di rivederle volteggiare sull’acqua, ma erano svanite nel nulla, come per magia.

Animali, le megattere non sono più a rischio estinzione

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago