Animali

Animali, grazie al lockdown tornano i delfini nella baia di Hong Kong

Condividi

Grazie al blocco del traffico marino causato dal coronavirus,una rara specie di delfini ha ricominciato a popolare la baia di Hong Kong.

Gli ultimi mesi di lockdown causato dall’emergenza coronavirus hanno visto molte specie naturali riprendersi i proprio spazi, lasciati liberi dall’uomo. Tra questi il tursiope indopacifico ( una razza di delfini tipici delle coste cinesi) che è ricomparso nella baia di Hong Kong, grazie al blocco del traffico marino durante il lockdown.

Lo scienziato marino Lindsay Porter dell’Università di St.Andrews ha detto che i mammiferi – noti anche come delfini bianchi cinesi o delfini rosa – si stavano spostando verso parti del delta del Pearl River, zona che in genere evitavano a causa dei traghetti che collegano Hong Kong e Macao.

 


Il numero di delfini nell’area è aumentato fino al 30% da marzo, quando il traffico dei traghetti è stato sospeso, offrendo agli scienziati una rara opportunità di studiare come il rumore sottomarino abbia influenzato il loro comportamento, ha detto.

“Queste acque, che un tempo erano una delle arterie più trafficate di Hong Kong, sono ora diventate molto tranquille“, ha detto Porter, che ha studiato i delfini per tre decenni da Hong Kong.

Disastro Mauritius, la lotta dei pescatori per salvare i delfini dal petrolio

Da un piccolo gommone, Porter e il suo team lanciano i microfoni in acqua e usano i droni per osservare i delfini.

La ricerca ha suggerito che i delfini si erano adattati più rapidamente del previsto all’ambiente tranquillo e che la popolazione avrebbe potuto riprendersi quando tali fattori di stress fossero stati rimossi, ha detto Porter.

Gli scienziati pensano che ci siano circa 2.000 delfini nell’intero estuario del fiume Pearl. Un sondaggio del governo di Hong Kong del 2019 ha rilevato che solo 52 delfini sono entrati nelle acque intorno al centro finanziario asiatico, ma Porter ritiene che il numero reale potrebbe essere leggermente superiore.

A volte sento che stiamo studiando la lenta scomparsa di questa popolazione, il che può essere davvero triste“, ha detto.

Tuttavia, anche se il declino di questa popolazione non potesse essere fermato, la ricerca potrebbe aiutare altre popolazioni di delfini altrove, ha detto.

Delfini robot al posto di esemplari veri negli acquari: l’idea per porre fine allo sfruttamento di animali vivi

I piani di conservazione di Hong Kong si sono concentrati sull’apertura di parchi marini, dove il traffico navale è limitato ma non vietato. Tre di queste aree sono frequentate dai delfini.

Il WWF di Hong Kong ha affermato che tali misure erano inadeguate poiché i delfini erano ancora in pericolo di essere colpiti dai traghetti mentre si muovevano tra le aree protette.

 


Significa che se avessimo un piano di gestione completo a Hong Kong con misure di conservazione più efficaci, potremmo essere in grado di fermare rapidamente il declino della popolazione di delfini”, ha spiegato la Porter.

(Visited 16 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago