Animali

Animali, il gatto Lady ha finalmente una casa grazie alle sue nuove orecchie

Condividi

Lady, un gatto a cui hanno rimosso le orecchie per un’infezione, è stato adottato grazie al suo nuovo paio di orecchie ricamate da un’impiegata del rifugio.

Un’impiegata di un rifugio animale nel Wisconsin è stata acclamata per le sue abilità di ricamo che hanno permesso ad un gatto randagio di trovare la sua nuova casa.

 

Animali, una donna inglese adotta un cane destinato al macello in Corea del Sud

A dicembre, un gatto randagio ribattezzato Lady in a Fur Coat è stato portato alla Dane County Humane Society con un’infezione cronica alle orecchie e degli ematomi. Il team di veterinari ha condotto un’operazione chirurgica sulle orecchie del felino ma essendo in condizioni troppo critiche, i chirurghi hanno optato per la rimozione degli strati esterni delle orecchie.

Animali, ecco Vituzzo, il gatto bionico
Lady ha pienamente recuperato dall’operazione ma lo staff del rifugio era preoccupato che la rimozione potesse allontanare i potenziali adottatori. In quel momento Ash Collins ha deciso di ricamare delle orecchie di lana per Lady. Dopo che la pagina Facebook del rifugio ha postato le immagini di Lady e del suo nuovo paio d’orecchie sui social media il gatto è stato adottato.

 

Animali, ecco Toby, il gatto nero che nessuno vuole

Lo staff e i volontari del Dane Country Humane Society fanno di tutto per prendersi cura degli animali. Sono più che felice di aver aiutato Lady ad essere adottata grazie al ricamo e sono onorata di aver contribuito ad essere parte del suo lieto fine” ha spiegato Ash.

(Visited 22 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago