Animali

Animali, elefante dato alle fiamme muore dopo giorni di sofferenza VIDEO

Condividi

Alcuni abitanti di un villaggio indiano hanno lanciato un copertone in fiamme verso un elefante per scacciarlo, l’animale ha preso fuoco ed è morto tra indicibili sofferenze.


Un elefante di 40 anni è morto dopo essere stato dato alle fiamme da un abitante di un villaggio nel Tamil Nadu, una regione dell’India sudorientale. Secondo quanto riferito, l’abitante del villaggio aveva lanciato un pezzo di pneumatico in fiamme per scacciare l’elefante. Il pneumatico in fiamme si è bloccato sull’orecchio dell’elefante, costringendolo a scappare. L’incidente è stato ripreso in video.

Il video mostra uomini che lanciano oggetti in fiamme all’elefante nel tentativo di cacciarlo via.

Animali, l'(ex) elefante più solo al mondo è arrivato nella sua nuova casa

Le guardie forestali hanno successivamente trovato l’elefante con gravi ustioni sulla schiena e sull’orecchio. Sfortunatamente, l’animale è morto durante il trasporto in un campo per cure mediche il 19 gennaio.

Secondo quanto riferito, l’elefante è stato trovato in condizioni molto deboli ed era stato tranqullizzato prima di essere trasportato.

Animali, ennesima crudeltà umana: elefante incinta uccisa da un ananas riempito di petardi

I tre uomini, presumibilmente responsabili dell’incendio all’elefante, sono stati identificati. Parlando ai media, un alto funzionario della Riserva delle Tigri Masinagudi ha detto che tre persone – identificate come Prasath, Raymond Dean e Ricky Rayan sono state accusate dell’omicidio. Mentre due persone sono state arrestate, la terza deve ancora essere catturata.

 


L’elefante era noto agli abitanti del villaggio per le sue visite frequenti, e non aveva causato mai danni gravi. Secondo le testimonianze negli ultimi giorni l’animale era diventato più irascibile e pericoloso, tanto da causare più di un problema al paese.

 

(Visited 44 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago