Good News

Animali, ecco Phil, l’elefante che raccoglie i rifiuti

Condividi

Phil è un elefante del Parco Naturale Kruger che le telecamere hanno ripreso mentre raccoglie da terra delle lattine e le getta nei rifiuti, in pieno spirito ambientalista.


Che gli elefanti siano tra gli animali più intelligenti è stato provato più volte, ma il fatto che siano anche animati da spirito ecologista è una novità. E invece l’elefante Phil ci dimostra come agli animali dia fastidio di più la sporcizia rispetto a noi umani.

Animali, due elefanti di Sumatra trovati morti in meno di una settimana

Phil è un elefante del Parco Naturale Kruger, in Sud Africa, che è stato ripreso dalle telecamere mentre raccoglie le lattine rimaste a terra usando la proboscide e poi, aiutandosi con lo zampone, le getta delicatamente dentro il cestino dei rifiuti.

 

Gli operatori del parco spiegano che gli elefanti provano fastidio nel vedere la sporcizia nella zona in cui vagano e quindi si tengono a distanza se vedono dei corpi estranei a terra.

Elefanti, la processione per l’ultimo saluto al loro piccolo VIDEO

La sopresa è il fatto che Phil abbia indovinato dove andava gettata la lattina, invece di lanciarla via come ci si sarebbe aspettato da un elefante. Probabilmente, dicono, ha imparato che quello è il posto dei rifiuti dopo aver visto centinaia di volte gli operatori del parco gettare la spazzatura dentro quello specifico bidone.

Al di là delle spiegazioni scientifiche, possiamo solo ammirare l’educazione e la civiltà di Phil l’elefante.

(Visited 33 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago