Animali

Animali, una donna ritrova il suo cane dopo 3 anni grazie ad una lattina di birra

Condividi

Monica ha smarrito il suo cane Hazel in Iowa tre anni fa ma è riuscita a ritrovarlo a più di 2000 km in Florida, dopo aver visto la sua foto su una lattina di birra.

Sono passati tre anni da quando Monica Mathis ha perso la sua amata Hazel mentre viveva in Iowa. Tuttavia la donna è riuscita a ricongiungersi col suo cane dopo aver visto la sua foto su una lattina di birra venduta in Florida. La foto fa parte di una iniziativa della Motorworks Brewing di Bradenton, che sta stampando le foto degli animali dei rifugi locali sulle lattine della propria birra.

Natale, operato d’urgenza un cane che aveva ingerito le decorazioni. Fate attenzione!

L’iniziativa ha già avuto successo in passato ed ha permesso a molti animali del Manatee County Animal Services di essere adottati. Monica, che ora vive in Minnesota, stava guardando i social quando ha notato l’annuncio della storia dei cani sulle lattine di birra.

Animali, la gatta Sasha ritrova il suo padrone a 2000 chilometri da casa VIDEO

Una foto ha particolarmente colpito la ragazza: un cane chiamato Day Day che era esattamente uguale ad Hazel. Nonostante fosse improbabile che il cane fosse finito in Florida, Monica ha chiamato il Manatee County Animal Services per chiedere di poter controllare il microchip di Day Day, che è risultato essere proprio Hazel. Il rifugio ha detto di aver tentato più volte di contattare Monica tramite le informazioni del microchip ma il cognome e il numero della donna sono cambiati da quando ha perso il cane.

Animali, il gatto Lady ha finalmente una casa grazie alle sue nuove orecchie

Mathis spera che la sua storia possa convincere i padroni a tenere aggiornate costantemente le informazioni sul microchip. “Sono stata così fortunata. Così fortunata che Hazel sia stata raccolta e la sua foto messa su una lattina altrimenti non l’avrei mai più rivista. E’ fantastico, sono così felice”.

(Visited 43 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago