Territorio

Animali, i delfini dell’Amazzonia contaminati da mercurio

Condividi

I delfini dell’Amazzonia stanno mostrando allarmanti livelli di contaminazione da mercurio, principalmente a causa dell’estrazione illegale dell’oro.  E anche le persone che vivono in Amazzonia  finiscono col consumare pesce contaminato.

Nel procedimento di estrazione il mercurio, utilizzato per separare l’oro dagli altri minerali, è una vera minaccia per i delfini, specialmente nel fiume Orinoco che scorre tra Colombia e Venezuela.

Le ricerche hanno mostrato livelli di contaminazione in 46 di queste creature d’acqua dolce, conosciute per il loro lungo muso a forma di bottiglia, nei bacini di Brasile, Bolivia, Colombia e Perù.

TripAdvisor, stop alla vendita dei biglietti di attrazioni con balene e delfini

Tutti questi hanno presentato dei gradi di contaminazione da mercurio ed in metà di essi il livello era molto alto, come riportato da Marcos Oliveira della divisione brasiliana del WWF, una delle ONG che ha portato avanti gli studi.

Approvata nuova legge: niente più delfini in cattività

L’estrazione illegale dell’oro non è l’unico problema secondo Oliveira. Il mercurio esiste naturalmente in Amazzonia, ma si sta diffondendo nell’acqua a causa della deforestazione e gli incendi finendo nella catena alimentare di pesci e delfini.

Delfini mutilati a causa dei pescherecci. Attivisti Sea Sheperd: “Fino a 10000 morti all’anno”

Gli alti livelli di mercurio nei delfini di fiume rappresenta una seria minaccia per circa di venti milioni di persone che vivono in Amazzonia e finiscono col consumare pesce contaminato. “Il mercurio può rimanere negli alimenti fino a cento anni, è un problema serio” avverte Oliveira.

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago