Biodiversità

Animali, trovata delfina sul lungomare di Ardea: stritolata da un filo di nylon

Condividi

Animali. Uccisa da un filo di nylon.

E’ la triste fine di un esemplare di delfina, trovata spiaggiata sul lungomare di Ardea.

Il filo di Nylon l’ha stritolata sopra la pinna caudale fino a farla morire.

Secondo Valerio Manfrini, biologo del Centro Studi Cetacei, “il mammifero si è trascinato un ammasso informe di legni, ombreggiante, rifiuti vari e barili di plastica come quelli usati per le reti da posta. Lo strozzamento a ridosso della coda è avvenuto quando l’animale era ancora in vita, testimoniato dalla necrosi della coda stessa. È probabile che lo strozzamento della fune sia stato causato dai tentativi del delfino di liberarsi”.

Animali, i delfini dell’Amazzonia contaminati da mercurio

L’esemplare di delfina, una stenella striata, era lunga 178 centimetri.

Mentre i piccoli alla nascita misurano mediamente 90 centimetri, gli esemplari adulti possono raggiungere i 2,10 metri.

TripAdvisor, stop alla vendita dei biglietti di attrazioni con balene e delfini

Il corpo, spiega ancora Manfrini, “era in uno stato di moderata decomposizione, tranne la coda che era visibilmente necrotica e ormai lacerata. Probabilmente, nel tentativo di liberarsi, la fune si è stretta ancora di più”.

Secondo quanto riportano i  giornali locali scrivono che domenica 1 dicembre la carcassa, che è stata messa in sicurezza, sarà analizzata dall’istituto zooprofilattico.

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago