Secondo uno studio americano, i criceti sarebbero in grado di reggere un quantitativo di alcol assai superiore rispetto a quello degli esseri umani: l’equivalente di 21 bottiglie al giorno.

Nonostante la loro piccola taglia i criceti possono reggere l’alcol in maniera straordinaria, meglio di ogni essere umano. Uno studio rilanciato sulla rivista The Atlantic e reso noto dalla psicologa Gwen Lupfer, dell‘Università di Alaska Anchorage, ha dimostrato che i piccoli roditori consumano parecchio alcol soprattutto d’inverno.

Il motivo è semplice: poco prima dell’inverno essi accumulano nelle loro tane semi e frutta. Questa riserva di cibo con il passare delle settimane fermenta e la loro concentrazione in alcool diventa sempre più alta.

Dunque pare che ogni giorno i criceti sono in grado di consumare in media circa 18 grammi di alcool per chilo di peso corporeo. Per capirci, è come se un essere umano bevesse 21 litri di vino al giorno. 

Maccio Capatonda a Teleambiente: “Sono un ambientalista convinto, lo sia anche la politica”

Questi dati sono stati confermati da test di laboratorio che hanno permesso di scoprire una cosa del tutto nuova. Non solo i criceti, come si sapeva, riescono a reggere l’alcol se ne hanno a disposizione, ma addirittura lo preferiscono. Messi di fronte a una scelta tra acqua e alcol, infatti, i piccoli animaletti preferiscono preferiscono bere dal recipiente contenente alcool.

Il motivo però è diverso da quello che porta gli umani a scegliere l’alcol all’acqua.  L’alcol, infatti, è estremamente energetico, e i criceti lo bevono per le sue calorie di cui hanno bisogno soprattutto d’inverno. La dimostrazione sta nel fatto che se viene loro offerta una scelta tra un po’ di alcol e un’altra bevanda ricca di zuccheri, gli animali riducono le loro bevute.

La cosa positiva è che non devono neanche preoccuparsi per lo stato di salute del loro fegato che è strutturato in modo da diventare particolarmente efficace per scomporre l’etanolo, a tal punto che soltanto piccolissime quantità di tossine finiscono nel sangue.

Plastica monouso, stop dal 14 gennaio e multe per i trasgressori. Tutti i prodotti vietati

 

Articolo precedenteMaccio Capatonda a Teleambiente: “Sono un ambientalista convinto, lo sia anche la politica”
Articolo successivoScala dei Turchi, presi i responsabili del raid. Uno di loro ha precedenti inquietanti