Animali

Animali, corsa contro il tempo per salvare una balenottera spiaggiata sulle rive del Tamigi

Condividi

Una giovane balenottera è rimasta incastrata nel fondale basso delle rive del Tamigi, il fiume che attraversa Londra. Nonostante grazie agli sforzi dei volontari il cetaceo sia stato liberato, si teme ancora per la sua vita.

Un giovane di balenottera minore di tre metri è stato avvistato nuotare a monte del fiume Tamigi nella notte a ovest di Londra, poche ore dopo che i soccorritori si sono precipitati a salvare la vita del mammifero gigante.

Un fotografo Reuters ha individuato la balena diverse miglia a monte da dove è stata rimessa a galla da una squadra di soccorritori dell’Autorità Portuale di Londra, del Royal National Lifeboat Institute (RNLI), del British Divers Marine Life Rescue, dei Vigili del fuoco di Londra e della polizia.

La balena grigia Wally continua il suo viaggio: avvistata a Fiumicino

Mentre la balena si dirigeva nella direzione sbagliata, lontano dal mare, crescevano i timori sul destino dell’animale ferito mentre combatte per la sopravvivenza a Londra, a centinaia di miglia dal suo habitat naturale nelle terre selvagge del nord Atlantico.

 


A dire il vero sta per raggiungere la sorgente – non ha nessun posto dove andare a meno che non si volti indietro e nuoti nel modo giusto“, ha detto Martin Garside, portavoce della Port of London Authority.

Animali, trovata morta balena di 10 tonnellate sulla spiaggia: non è riuscita a tornare in acqua

La balena arenata è stata avvistata per la prima volta domenica sera a Richmond Lock. I soccorritori hanno lavorato per ore per rimetterlo a galla e poi l’hanno rimorchiato un miglio a valle.

La vita di quella balena è in bilico: è ferita, è molto giovane ed è così lontana da casa”, ha detto Garside.

 


Questo animale proviene dal Mare del Nord settentrionale, quindi è a centinaia di miglia dove dovrebbe essere. La balena è a cento miglia dall’apertura al Mare del Nord nell’estuario del Tamigi”, ha detto. “Non c’è alcun segno evidente di sua madre.”

Questa balena potrebbe essersi persa mentre cercava da mangiare, o potrebbe essere malata o ferita, ha detto a Reuters Danny Groves di Whale and Dolphin Conservation.

La balena grigia Wally continua il suo viaggio: avvistata a Fiumicino

Allo stesso modo, molte balene e delfini si trovano in difficoltà perché potrebbero essere stati colpiti da una nave in mare, feriti nelle reti da pesca, portati fuori rotta da forti rumori sottomarini provenienti da indagini sismiche per petrolio o gas, o rumorosi sonar subacquei da esercitazioni militari.

“Questo povero animale è fuori rotta e deve ancora affrontare un lungo viaggio per tornare in mare“, ha detto Groves.

(Visited 27 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago