Un video mostra un babbuino portare in braccio un piccolo cucciolo di leone, come Rafiki con Simba nel celebre cartone “Il Re Leone” della Disney.

Tutti conoscono la famosa scena de “Il Re Leone” in cui Rafiki solleva il piccolo Simba e lo mostra a tutti gli animali della savana. Kurt Schultz, ha assistito alla stessa scena nella vita reale, riuscendo a filmare un babbuino con in braccio un piccolo leone.

Animali, la corsa contro il tempo per salvare i leoni segregati in uno zoo

Kurt ha ripreso i due animali il 1° febbraio nel Kruger National Park del Sudafrica, spiegando di non aver mai visto nulla di simile in 20 anni di attività: “Il babbuino teneva in mano il leoncino come se fosse uno dei suoi cuccioli. I babbuini maschi tengono molto alla pulizia del corpo, ma la cura data a questo cucciolo di leone è stata la stessa che i babbuini femmina danno ai propri cuccioli“. Kurt ha spiegato che il babbuino continuava a muoversi fra i rami trasportando il leoncino, apparso “esausto e disidratato” in quella che ha definito una calda mattinata.

Leoni e tigri salvati dai circhi del Guatemala dopo anni di maltrattamenti VIDEO

Kurt sostiene che probabilmente il babbuino abbia trovato il cucciolo di leone solo, spiegando di aver visto molte scimmie nell’area in cui i leopardi e i leoni solitamente lasciano i loro cuccioli mentre vanno a caccia. Mentre Rafiki è stato gentile con Simba, anche se un po’ dispettoso, è difficile che nella vita reale il babbuino possa prendersi cura del cucciolo. Infatti, il gruppo di babbuini nell’area è così grande che difficilmente un singolo leone possa riuscire ad affrontarli per riprendersi il cucciolo.

Animali, il motivo per cui la foto della tigre con cinque cuccioli è importante

Inoltre nell’area sono stati registrati anche casi di cuccioli di leone uccisi dalle scimmie. “La natura sa essere crudele e sopravvivere per un cucciolo di predatore non è così facile”.

Articolo precedenteSciopero globale per il clima, tutti in piazza il 24 aprile
Articolo successivoArtide, l’ ecosistema sta mutando prima del previsto per via della crisi climatica