Home Attualità Animali, avvistato un orso polare con dei graffiti VIDEO

Animali, avvistato un orso polare con dei graffiti VIDEO

Un video di un orso dipinto con la scritta T-34 è stato postato sui social in Russia. Gli scienziati temono che l’orso non possa cacciare in quanto non riuscirebbe a camuffarsi a causa dell’enorme scritta.

Un video che mostra un orso polare imbrattato con dei graffiti ha causato l’indignazione tra gli ambientalisti e la paura che l’orso sia stato dipinto da qualche cittadino in risposta all’invasione degli orsi nel nord della Russia. Il video dell’orso è stato postato su Facebook da Sergey Kavry, un membro del WWF nell’est della Russia che ha detto di aver ricevuto il video attraverso alcune chat di Whatsapp.

“Perché? Cosi non sarà in grado di cacciare senza essere notato!” ha scritto nel post su Facebook. Gli scienziati sono preoccupati che l’orso filmato in Russia, con la scritta “T-34” in onore di un carrarmato sovietico della Seconda guerra mondiale, possa avere problemi a cacciare, essendo impossibilitato a camuffarsi a causa delle lettere. Gli esperti stanno cercando di identificare dove sia stato girato il video. Inoltre, temono che l’animale sia stato sedato prima che qualcuno gli dipingesse le lettere.

Orso polare viaggia per centinaia di chilometri e finisce in mezzo ai rifiuti VIDEO

I cittadini russi spesso scrivono quelle lettere sulle proprie macchine durante “la giornata della vittoria” in Russia, che si celebra il 9 maggio e non è chiaro se le lettere sull’orso siano state scritte da cittadini arrabbiati o per uno scherzo.

I cambiamenti climatici hanno portato gli orsi polari in Russia a contatto con i cittadini, mentre gli orsi affamati e in cerca di cibo sono apparsi nelle città del nord della Russia. Una città in Novaya Zemlya, nell’arcipelago a nord della Russia, ha visto un’invasione di più di cinquanta orsi a febbraio.

Selfie con orsi polari morti per promuovere battute di caccia

Anatoly Kochnev, ricercatore all’istituto biologico statale, pensa che l’orso possa essere legato ai disordini a Novaya Zemlya ad inizio anno e che i cittadini possano aver preso misure per fermare gli orsi.

“È probabile che i cittadini abbiano preso provvedimenti quest’inverno, catture o sedazioni, e dal momento che non sono stati gli scienziati a farlo, potrebbe trattarsi di uno scherzo di cattivo gusto” ,ha detto alla agenzia di stampa RIA Novosti.

Articolo precedenteCop25, il decennio che sta per concludersi è il più caldo della storia
Articolo successivoCop25, l’appello ai leader di Papa Francesco: “Parole lontane da azioni concrete”