Good News

Animali, le adozioni si fanno ‘green’: adotta una mucca, una maiale o un cavallo

Condividi

Animali. Chi ha detto che solo i cani ed i gatti siano animali da compagnia?

C’è chi ha scelto di tornare alla natura più autentica, dove gli animali hanno le medesime fattezze e caratteristiche con cui venivano disegnati nei libri di scuola che si usavano alle elementari negli anni ’60: quell’immagine di casa di campagna con il gatto, il cane ma anche la mucca, l’oca, la gallina e il maiale.

Animali, come scelgono gli scienziati quali specie salvare dall’estinzione?

L’ecosistema sta cambiando, la natura ha bisogno del nostro aiuto per essere preservata e questo non solo a causa degli stravolgimenti climatici che stanno mettendo in serio pericolo numerose specie animali, ma anche per colpa della profonda crisi che ha colpito tutto il mondo negli ultimi anni, mettendo in ginocchio numerose aziende, molte delle quali agricole, che hanno bisogno di una mano per poter continuare a sopravvivere.

Australia, sterminati 500 milioni tra animali e piante a causa degli incendi

E proprio perché ognuno deve fare la sua parte per salvare il nostro pianeta, che alcuni allevatori e coltivatori lungimiranti hanno dato vita ad un’idea geniale: far adottare a distanza un animale della propria fattoria.

In questo modo, chi ha sempre sognato fin da bambino di poter avere una mucca, un maiale, un cavallo o una gallina ora finalmente può realizzare il proprio desiderio, diventando a tutti gli effetti un allevatore (virtuale).

Animali, morta Fausta, il rinoceronte nero più anziano del mondo VIDEO

Iniziativa di gran moda, che si è sparsa a macchia d’olio, tanto da far esplodere il boom di adozioni green atte a salvaguardare piccole realtà imprenditoriali e a far vivere con dignità gli animali, garantendo anche ad ogni «agricoltore-allevatore telematico» i prodotti realizzati dalla propria bestiola, creando un filo diretto a Km 0 tra produttore e consumatore. Maiali, mucche, galline, piante e chi più ne ha più ne metta, le frontiere dell’adozione a distanza sono ormai infinite (o quasi).

(Visited 36 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago