Attualità

Animali, sei nuove aquile di Bonelli sbarcano in Sardegna

Condividi

Animali. Si chiamano Muscatoglio, Artaneddu, Illiorai, Prattéri e Prenna.

Sono i cinque nuovi “pulli” di Aquila di Bonelli giunti in Sardegna con il progetto europeo Aquila a-Life, coordinato da Ispra per la parte relativa all’Italia.

Arrivati a fine aprile dalla Spagna, presso il Parco Regionale di Tepilora in provincia di Nuoro, i pulcini resteranno per alcune settimane all’interno delle voliera di adattamento allestita dall’Agenzia regionale Forestas, in attesa di crescere e familiarizzare con l’ambiente naturale circostante.

Clima e Ambiente, 116 milioni di euro al Programma LIFE per migliorare la qualità della vita dei cittadini europei

A questi cinque esemplari spagnoli, si è aggiunto anche un sesto pulcino italiano: Battore, un pullo di 55 giorni proveniente da Agrigento ed appartenente all’unica popolazione di Aquila di Bonelli presente sul territorio italiano.

La Sicilia è stata negli ultimi anni, una perfetta casa per questi esemplari che sono cresciuti di numero in modo consistente, tanto da poter destinare alla Sardegna un pulcino nato dalla popolazione selvatica siciliana.

Circo, niente più animali nel Regno Unito. E in Italia?

Il tutto, sulla base di un approfondito studio di sostenibilità e con l’autorizzazione della Regione.

Ad aiutare la specie a ripopolare la Sicilia è stato il lavoro dei volontari del Gruppo Tutela Rapaci e, dal 2016, il progetto LIFE Conrasi, coordinato dal WWF Italia e finanziato, come tutti i progetti LIFE, 45 coppie di questa magnifica aquila mediterranea.

Dopo quasi dieci anni di azioni di tutela, sono presenti nell’isola mediterranea 45 coppie di questa magnifica aquila.

Se in Sicilia gli sforzi di conservazione hanno salvato dal rischio di estinzione una popolazione ancora presente, in Sardegna la recente scomparsa della specie viene affrontata grazie a queste azioni di reintroduzione e all’attiva collaborazione tra progetti LIFE.

Maltrattamento degli animali, la proposta di legge del M5S

Lo scorso anno l’associazione naturalistica GREFA ha portato via nave dalla Spagna le prime cinque giovani aquile.

Dopo un periodo iniziale di ambientamento trascorso all’interno di un’ampia voliera, nella quale gli uccelli completano lo sviluppo e la capacità di volo, le nuove aquile sono state rilasciate in libertà nei cieli della Sardegna.

Quest’anno l’esperienza si ripeterà con i nuovi pulli.

Reintrodurre nell’isola “S’abilastru” – come viene chiamata in sardo la specie – è l’obiettivo di questo impegnativo progetto.

La splendida Aquila fasciata, protagonista dell’avifauna delle foreste mediterranee, si è estinta in Sardegna negli anni Ottanta a causa del prelievo illegale di uova e pulcini dai nidi.

Nel corso dei cinque anni di durata del progetto si prevede il rilascio in Sardegna di almeno 25 esemplari.

(Visited 110 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago